10:32 14 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
244
Seguici su

Se Internet fosse una nazione fisica, sarebbe al quarto posto tra i paesi più inquinanti del pianeta, subito dopo Cina, India e Stati Uniti.

Secondo i dati raccolti da Seeweb, Cloud Computing Provider italiano, l'utilizzo di internet ha un impatto ambientale non indifferente.

Il consumo di energia elettrica per far funzionare la macchina digitale produce "il doppio di quantitativi di CO2 rispetto al trasporto aereo": infatti, come spiega la rappresentante di Seeweb Chiara Grande ad Adnkronos, "nel 2008 il digitale ha consumato il 2% delle emissioni globali di gas serra; si stima che per il 2025 consumerà energia per l'8,5, nel 2040 per il 14%".

"La digitalizzazione è una tecnologia fantastica e una grande opportunità, ma energicamente non è gratuita: va usata con intelligenza", ha aggiunto Grande. "Se internet fosse un paese, sarebbe il quarto più inquinante al mondo dopo Cina, India e USA".

La consapevolezza dell'impatto ambientale del digitale arriva in parallelo con il boom di attività in smart working e DAD del 2020, causati dall'emergenza pandemica da coronavirus che ha rilegato migliaia di persone a rivolgersi alla tecnologia di internet per restare in contatto e svolgere le normali attività quotidiane.

Per avere un'idea più concreta, "guardare una decina di minuti in streaming consuma almeno 100 volte di più di quanto consuma ricaricare lo smartphone in un anno", come ha spiegato Grande, citando anche l'impronta ambientale della didattica a distanza, app di geolocalizzazione e le infrastrutture cloud.

Il fenomeno di inquinamento causato dall'utilizzo di internet può essere ridotto "grazie all'utilizzo di basi sostenibili da parte delle agenzie web, il riutilizzo di componenti hardware, il controllo e la manutenzione costante degli impianti e un riutilizzo virtuoso dell’acqua", Grande ha sottolineato anche l'impegno di Seeweb di rispettare l'ambiente e ridurre i consumi energetici, utilizzando energia da fonti rinnovabili e arrivando ad essere una delle prime IT a dotarsi della certificazione ISO14001 di conformità ambientale.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook