03:51 20 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (272)
0 31
Seguici su

Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha affermato di essere stato vaccinato con il siero russo anti-Covid Sputnik V.

"Potremmo vincere la battaglia solo con i vaccini… Oggi abbiamo concluso un accordo con il ministro dell'Industria e del Commercio russo Denis Manturov sulle forniture dei vaccini Sputnik V a marzo. (Anch'io sono stato vaccinato oggi con questo vaccino)", ha scritto il capo della diplomazia magiara in un post sulla sua pagina Facebook.

L'Ungheria ha già autorizzato l'uso di emergenza di Sputnik V senza il via libera dell'Agenzia europea per i medicinali (Ema), diventando il primo Stato membro della Ue ad intraprendere questa decisione sul farmaco russo. Un altro Paese membro della Ue che ha seguito l'esempio ungherese il 1° marzo è stata la Slovacchia.

L'Ungheria ha immunizzato circa il 14% della sua popolazione di quasi 10 milioni di persone utilizzando vaccini russi, cinesi e quelli approvati dalla Ue.

La velocizzazione della campagna di immunizzazione è stata incentivata dall'aumento dei casi e dall'emergere di mutazioni del virus (varianti). Al momento in Ungheria ci sono stati circa 550.000 casi di Covid-19, con oltre 17mila decessi.

In Europa la campagna di vaccinazione è contrassegnata da ritardi nelle forniture dei vaccini per mancato rispetto degli accordi da parte delle case farmaceutiche, così come per il caso AstraZeneca, dopo la sospensione dell'uso di questo farmaco a seguito di alcuni decessi e casi gravi di effetti collaterali dopo la somministrazione del vaccino. Tuttavia l'Ema giovedì ha spazzato via ogni dubbio sulla sicurezza del vaccino di AstraZeneca, rilevando che i benefici superano di gran lunga i rischi.

Tema:
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (272)
Tags:
Russia, Coronavirus, vaccino, Ungheria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook