21:36 12 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
26324
Seguici su

Le autorità sanitarie di San Marino ricevono centinaia di domande dai cittadini italiani che vorrebbero ricevere il vaccino russo contro il coronavirus Sputnik V, ha affermato il direttore sanitario dell'Istituto per la Sicurezza Sociale (ISS) di San Marino, Sergio Rabini.

A San Marino da alcune settimane è in corso la vaccinazione con il preparato russo Sputnik V. Le autorità della repubblica hanno dichiarato che i farmaci acquistati saranno sufficienti per vaccinare 7.500 dei 33.000 residenti nella Repubblica di San Marino.

In seguito all'arrivo dei preparati le autorità hanno sottolineato che la vaccinazione con lo Sputnik V sarà disponibile solo per i cittadini di San Marino e di conseguenza inaccessibile alle persone di cittadinanza italiana residenti nei comuni confinanti.

"La popolazione di San Marino ha risposto con entusiasmo alla campagna di vaccinazione contro il coronavirus. Devo comunicare del notevole interesse per il vaccino Sputnik V in Italia, riceviamo non solo centinaia di chiamate, ma anche email riguardo alla possibilità di essere vaccinati a San Marino", ha affermato a Sputnik il direttore delle Attività Sanitarie e Socio-Sanitarie dell'ISS San Marino.

Il dottore ha spiegato che la vaccinazione dei cittadini stranieri sarà possibile solo dopo il termine della campagna d'immunizzazione della popolazione della Repubblica.

San Marino, al via le vaccinazioni con lo Sputnik V
© Foto : Iss di San Marino / Andrea Costa
San Marino, al via le vaccinazioni con lo Sputnik V

Vaccinazione a San Marino

Lo scorso 25 febbraio le autorità del Titano hanno avviato la campagna vaccinale con il preparato russo Sputnik V. In seguito nella repubblica sono arrivate anche le prime fiale del vaccino Pfizer dall'Italia. Secondo gli ultimi dati, a San Marino oltre 5.100 persone sono state vaccinate.

Lo Sputnik V

Il medico riceve il vaccino russo Sputnik V a San Marino
© Foto : Istituto per la Sicurezza Sociale di San Marino / Andrea Costa
L'11 agosto scorso la Russia ha registrato il suo primo vaccino contro il Covid-19, chiamato Sputnik V e sviluppato dagli scienziati del Centro di Epidemiologia e Microbiologia "Gamaleya". Il farmaco è commercializzato dal Fondo Russo per gli Investimenti Diretti, responsabile della conduzione delle trattative sull'esportazione e produzione all'estero di questo farmaco.

Il vaccino è costituito da due componenti e il vettore utilizzato per indurre la risposta immunitaria dell'organismo si basa su un adenovirus umano.
Il vaccino viene somministrato due volte, in un intervallo di 21 giorni. Negli studi clinici ha mostrato un'efficacia del 100% contro i casi gravi di Covid-19, ovvero nessuno dei soggetti vaccinati nei test ha contratto sintomi gravi della malattia se infettato dal coronavirus.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook