09:29 23 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 0 0
Seguici su

Il cielo di Pechino ha assunto tonalità inquietanti stamane, allorché una tempesta di sabbia senza precedenti ha colpito la capitale cinese. L'amministrazione meteorologica cinese ha emesso allarme giallo, la sabbia trasportata dai forti venti proviene dalla Mongolia interna e dalle province di Gansu, Shanxi e Hebei.

Potenti venti hanno portato una spessa polvere marrone dal deserto del Gobi in quella che i meteorologi cinesi definito la più grande tempesta di sabbia del decennio.

Al momento, l'indice di qualità dell'aria a Pechino ha raggiunto i 500 punti, il livello massimo di allerta nella scala della percentuale di inquinanti nell’aria, con la quantità di PM10 (particelle con un diametro di 10 micron o meno, quindi inalabili nei polmoni) che supera gli 8.000 microgrammi per metro cubo in alcune aree.

Molte foto e video vengono costantemente caricati sui media, raffiguranti la situazione in città, mostrando la strana colorazione del cielo e sottolineando la dura situazione ambientale.

​C’è anche chi coglie l’occasione per affrontare un discorso più ampio – fenomeni di questo tipo sono un segnale della crescente desertificazione delle grandi steppe della Cina nord-orientale. Problema che andrebbe affrontato creando una ‘grande muraglia verde’ di contenimento, si sostiene in un tweet.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook