05:26 16 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 61
Seguici su

Alla partita e vaccinati: è la "doppietta" proposta dallo Zenit San Pietroburgo ai suoi tifosi che potranno farsi somministrare lo Sputnik V durante gli incontri casalinghi alla Gazprom Arena.

Lo Zenit San Pietroburgo questa settimana ha annunciato che allo stadio Gazprom Arena dove la squadra disputa le proprie partite sarà aperto un centro per la vaccinazione contro il coronavirus. I tifosi potranno farsi somministrare il vaccino Sputnik V fino alla fine della stagione 2020/21.

La società calcistica ha proposto di somministrare il vaccino anti-COVID ai tifosi prima di andare sugli spalti per vedere la partita della 22° giornata del campionato contro l'Akhmat Grozny, svoltasi ieri 13 marzo. Tale opzione è stata annunciata in una nota dello Zenit pubblicata sul suo sito web.

La nota specifica che tutti coloro che hanno compiuto 18 anni presenti allo stadio per vedere la partita hanno la possibilità di ricevere lo Sputnik V.

Il club fa notare che oltre ai documenti personali è necessario presentare anche un certificato dal medico curante che mostra l’assenza di controindicazioni alla vaccinazione.

Il centro di vaccinazione sarà aperto a tutte le partite casalinghe della squadra nella stagione in corso.

  • Vaccinazione contro il coronavirus allo stadio dello Zenit San Pietroburgo
    © Sputnik . Aleksandr Galperin
  • Vaccinazione contro il coronavirus allo stadio dello Zenit San Pietroburgo
    © Sputnik . Aleksandr Galperin
  • Vaccinazione contro il coronavirus allo stadio dello Zenit San Pietroburgo
    © Sputnik . Aleksandr Galperin
  • Vaccinazione contro il coronavirus allo stadio dello Zenit San Pietroburgo
    © Sputnik . Aleksandr Galperin
1 / 4
© Sputnik . Aleksandr Galperin
Vaccinazione contro il coronavirus allo stadio dello Zenit San Pietroburgo

Il vaccino Sputnik V

Lo Sputnik è uno dei primi tre vaccini contro il coronavirus al mondo per numero di approvazioni rilasciate dalle autorità di regolamentazione del governo.

Il 4 di marzo l'agenzia del farmaco europea Ema ha avviato la procedura di rolling review del fascicolo di registrazione del vaccino russo contro il Covid-19. 

Il vaccino Sputnik V è stato registrato dal ministero della Salute russo nell'agosto 2020, diventando il primo vaccino al mondo contro il coronavirus. L'efficacia del vaccino dopo la terza fase degli studi clinici è stata dimostrata del 91,6%, come pubblicato sulla rivista medica Lancet.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook