02:56 20 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 51
Seguici su

Si tratta di un grande complesso megalitico contenente diverse dozzine di tombe risalenti a 5500 anni fa.

Il sito è stato scoperto per caso vicino al villaggio di Dębiany, nella Polonia centro-meridionale, da un team di archeologi che conduceva ricerche a partire da immagini satellitari. Lo riporta il sito Heritage Daily. 

Dopo aver notato un elemento a forma di quadrilatero con un fossato circostante, è stata condotta un'indagine geofisica che ha rivelato una tomba megalitica. Ampliando l'area di studio, il team ha identificato dozzine di sepolture tombali, con molte altre che rimarrebbero ancora da scoprire.

Ogni tomba è rivestita con pali di legno e presenta un tumulo sepolcrale rialzato a forma di trapezio allungato. L'esterno della tomba è segnato da una palizzata in legno e da fossati esterni che si estendono per una lunghezza compresa tra 40-50 metri.

"Sfortunatamente la maggior parte dei resti dei defunti e dei corredi funerari sono stati rimossi da queste sepolture mentre il cimitero era ancora in uso. Si tratta un comportamento rituale che spesso incontriamo nei cimiteri di quel periodo", ha detto l'archeologo Marcin M. Przybyła a 'Nauka W Polsce'.

Intorno ad alcune delle tombe c'è un elemento difensivo quadrato costruito nell'età del bronzo, durante il IX-X secolo a.C., che gli archeologi ritengono servisse come accampamento militare temporaneo.

  • Polonia, archeologi scoprono uno dei più grandi complessi di tombe megalitiche del Paese
    © Foto : Jan Bulas
  • Polonia, archeologi scoprono uno dei più grandi complessi di tombe megalitiche del Paese
    © Foto : Jan Bulas
  • Polonia, archeologi scoprono uno dei più grandi complessi di tombe megalitiche del Paese
    © Foto : Jan Bulas
  • Polonia, archeologi scoprono uno dei più grandi complessi di tombe megalitiche del Paese
    © Foto : Jan Bulas
1 / 4
© Foto : Jan Bulas
Polonia, archeologi scoprono uno dei più grandi complessi di tombe megalitiche del Paese

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook