10:05 14 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
165972
Seguici su

Gli sviluppatori del vaccino russo chiedono le pubbliche scuse a Christa Wirthumer-Hoche perché le sue parole pronunciate sullo Sputnik V sollevano questioni su una possibile interferenza politica. Ecco cosa ha detto.

La presidente del consiglio di amministrazione dell'Agenzia europea per i medicinali (EMA), Christa Wirthumer-Hoche, potrebbe dover scusarsi per aver paragonato il vaccino Sputnik V alla "roulette russa". La richiesta di scuse pubbliche proviene dagli sviluppatori del vaccino russo, che intravedono nelle parole della Wirthumer-Hoche un'interferenza politica sull'attuale revisione in corso dell'Ema.  

"Chiediamo le scuse pubbliche di Christa Wirthumer-Hoche dell'EMA per i suoi commenti negativi sugli Stati dell'UE che approvano direttamente Sputnik V. Le sue parole sollevano seri interrogativi sulla possibile interferenza politica nella revisione dell'EMA in corso. Sputnik V è approvato da 46 nazioni", si legge in una dichiarazione pubblicato sull'account Twitter ufficiale di Sputnik V.

"Gli europei meritano una revisione imparziale come è stata intrapresa da altri 46 paesi. Dopo aver posticipato di mesi la revisione dello Sputnik V, l'EMA non ha il diritto di minare la credibilità di altre 46 autorità di regolamentazione che hanno esaminato tutti i dati necessari", osservano gli sviluppatori russi.

​Cosa ha detto la Wirthumer-Hoche

L'Austria, sull'esempio di quanto fatto dall'Ungheria, potrebbe autorizzare Sputnik V, senza aspettare l'ok dell'EMA. La presidente del Cda dell'Ema ha messo in guardia l'autorità del farmaco austriaca, paragonando questa possibilità ad una "roulette russa". 

"L'Ungheria ha rilasciato l'autorizzazione per l'uso di emergenza nazionale. Nel nostro caso non è così semplice. Sarebbe stato possibile se il governo avesse emesso un'ordinanza. Tuttavia, è paragonabile alla roulette russa", ha detto Wirthumer-Hoche in onda del canale televisivo ORF.

Gli scienziati russi hanno definito "inappropriati" questi commenti, osservando che l'Ema non dovrebbe intervenire nelle questioni politiche. 

"L'EMA non ha consentito tali dichiarazioni su nessun altro vaccino. Tali commenti sono inappropriati e minano la credibilità dell'EMA e del suo processo di revisione. I vaccini e l'EMA dovrebbero essere al di sopra e al di là della politica", si legge in un'ulteriore dichiarazione degli sviluppatori di Sputnik V.

Il vaccino russo in Europa

All'inizio di febbraio, l'Ungheria è diventata il primo paese dell'UE ad approvare il vaccino russo. Il paese ha autorizzato lo Sputnik V sulla base dei dati degli studi in Russia e di una valutazione completa del vaccino da parte di esperti ungheresi. Il 1 ° marzo, la Slovacchia ha seguito l'esempio.

La scorsa settimana, una delegazione del Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF) ha incontrato a Vienna il cancelliere austriaco Sebastian Kurz per discutere di Sputnik V.

Kurz ha dichiarato a febbraio di essere contrario ai "tabù geopolitici" nell'UE quando si tratta dell'approvazione dei vaccini contro il coronavirus. Il cancelliere ha espresso la sua disponibilità a essere vaccinato contro il coronavirus con il vaccino russo Sputnik V o con il vaccino cinese, se approvato dall'UE.

Nell'agosto 2020, la Russia è diventata il primo paese al mondo a registrare un vaccino contro il coronavirus, denominato Sputnik V, e sviluppato dall'istituto di ricerca Gamaleya.

Secondo l'analisi degli studi clinici di fase 3 di Sputnik V, pubblicati dalla rivista medica The Lancet , Sputnik V ha un'efficacia del 91,6% contro COVID-19 sintomatico.

Tags:
Coronavirus, vaccino, Russia, Austria
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook