11:00 23 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 01
Seguici su

L'incendio è divampato all'interno di un centro per rifugiati gestito dagli Houti. Le cause del rogo non sono ancora note. Sarebbero 90 i feriti in gravi condizioni.

Almeno 8 persone sono state uccise e oltre 170 ferite a causa di un incendio esploso in una centro per migranti e rifugiati. Lo ha reso noto l'ufficio regionale dell'Organizzazione internazionale per le migrazioni (OIM) per il Medio Oriente e l'Africa settentrionale.

Il rogo è esploso questa domenica in una campo gestito dagli Houti nella capitale Sanaa. Il bilancio delle vittime potrebbe crescere. 

"Siamo profondamente rattristati per la morte dei rifugiati e delle guardie nella struttura per migranti a Sanaa a seguito di un incendio. Otto persone sono morte, tuttavia, il conteggio finale dovrebbe essere molto più alto. Condoglianze alle famiglie delle vittime e tutti i feriti ", ha scritto questa domenica in una nota pubblica l'ufficio regionale dell'OIM.

L'organizzazione ha aggiunto che sta fornendo assistenza medica a oltre 170 feriti, 90 dei quali sarebbero in condizioni critiche.

La situazione in Yemen

Il paese mediorientale è sprofondato in una gravissima crisi umanitaria a causa della guerra tra la coalizione guidata dall'Arabia Saudita a sostegno del governo di Abdrabuh Mansour Hadi, e le forze ribelli degli Houthi ormai da diversi anni. La coalizione di Stati arabi a guida saudita è entrata nel conflitto nel 2015, dopo alcune vittorie dei ribelli nei primi giorni degli scontri.

Da allora, la coalizione ha condotto operazioni aeree, terrestri e marittime contro i ribelli, che controllano la capitale ufficiale di Sanaa e vaste aree nello Yemen settentrionale e occidentale.

Tags:
Migranti, Yemen, Arabia Saudita
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook