20:26 12 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
102
Seguici su

Sul corpo dell'uomo sono state trovate ferite e lividi, ma le autorità sanitarie escludono che possano essere la causa della morte. Per gli attivisti, invece, è un'evidenza dell'uso di tortura sui detenuti politici. Le proteste esplodono in tutto il Paese, ormai sull'orlo del caos.

Un dirigente della Lega nazionale per la democrazia, il partito della leader Aung San Suu Kyi, è morto mentre si trovata sotto custodia della polizia. L'uomo è stato arrestato sabato durante un raid delle forze dell'ordine a Yangon la maggiore città del Myanmar e centro delle proteste contro il regime militare. Gli attivisti pro-democrazia sospettano che il dirigente sia stato torturato e intensificano le mobilitazioni di piazza in tutto il Paese. 

I membri del partito NLD di Yangon, di cui Khin Maung Latt, 58 anni, era presidente locale, hanno riferito a Reuters che le foto scattate nell'ospedale militare in cui è morto mostravano una ferita sulla parte posteriore della testa e lividi sulla schiena.

I medici ritengono che il decesso sia dovuto alle condizioni cardiache del 58enne, ma per gli attivisti le foto delle ferite sul corpo di Maung Latt sono la conferma delle torture esercitate dalla polizia sui detenuti politici oppositori dei militari. 

"Sembra che sia stato arrestato di notte e torturato gravemente", ha detto un parlamentare dell'NLD a Reuters."Questo è totalmente inaccettabile."

In base ad alcune testimonianze Maung Latt sarebbe stato arrestato verso le 21 di sabato sera e sarebbe deceduto poco dopo. 

La polizia ha rifiutato di rilasciare alcun commento.

Caos nel Paese

Le proteste di piazza dei militanti pro-democrazia proseguono da oltre un mese nonostante la repressione della polizia e gli arresti degli attivisti. La morte di Khin Maung Latt rischia di innescare un'escalation nella spirale di caos e violenza esplosa nel Paese dopo il golpe militare del primo febbraio, con cui è stato deposto il governo di Aung San Suu Kyi, storica leader birmana da allora detenuta ai domiciliari. 

La polizia ha sparato granate assordanti e gas lacrimogeni per disperdere un sit-in di protesta di decine di migliaia di persone a Mandalay, ha riferito il gruppo mediatico Myanmar Now. Almeno 70 persone sono state arrestate. In precedenza, le truppe hanno occupato un'università in città dopo aver sparato proiettili di gomma alle persone lì radunate. Due manifestanti sarebbero rimasti feriti.

Lacrimogeni contro i manifestanti sono stati utilizzati anche a Yangon e Lashio.

 

© REUTERS / Stringer
Un manifestante arrestato in Myanmar

 

La situazione in Myanmar

Il Myanmar è teatro di proteste di massa contro il colpo di stato militare dall'arresto del consigliere di Stato Aung San Suu Kyi, del presidente Win Myint e di altri alti funzionari avvenuti ad inizio di questo mese.

I militari hanno accusato il capo del governo deposto Aung San Suu Kyi e la sua Lega Nazionale per la Democrazia di frode elettorale e hanno promesso di tenere elezioni eque il prossimo anno.
All'inizio di questa settimana, inoltre, la leader birmana si è vista addebitare un altro capo di accusa direttamente preso dal codice penale dell'era coloniale del paese, il quale vieta la pubblicazione di informazioni che possono "causare paura o allarme".

Tags:
Aung San Suu Kyi, Myanmar, Proteste
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook