18:50 14 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 10
Seguici su

George Floyd perse la vita il 20 maggio 2020 nel corso dell'arresto da parte di una pattuglia di agenti di polizia bianchi.

Una sparatoria avvenuta sabato notte a Minneapolis ha causato una vittima morta, con l'incidente verificatosi nello stesso luogo in cui perse la vita l'afroamericano George Floyd.

Lo riferisce il portavoce del dipartimento di polizia di Minneapolis John Elder:

"La vittima e il sospetto hanno avuto un alterco verbale, e il sospetto ha sparato alla vittima", ha detto il portavoce dell'MPD Elder, citato dalla CNN.

Il frastuono causato dalla sparatoria è stato captato dal sistema di rilevamento sonoro ShotSpotter, spingendo la polizia ad intervenire.

Quando gli agenti sono arrivati ​​sulla scena, la vittima era già stata ricoverata in ospedale, dove successivamente è stata dichiarata morta, mentre l'autore del reato era fuggito a bordo della propria auto.

La polizia ha già avviato le ricerce del tiratore, la cui identità rimane al momento sconosciuta.

L'omicidio di Georgey Floyd

A maggio 2020, negli Stati Uniti sono scoppiate delle violentissime proteste con vandalismo e scontri con la polizia su larga scala in risposta alla morte di George Floyd, un afroamericano di 46 anni morto durante l'arresto da parte di agenti do polizia di Minneapolis.

Il poliziotto Derek Chauvin è stato accusato di omicidio di secondo grado e omicidio colposo in seguito alla pubblicazione di alcuni video che lo ritraggono mentre con il ginocchio impedisce a Floyd di respirare.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook