09:48 14 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
633
Seguici su

Nel corso della settimana l'addetto stampa della Casa Bianca Jen Psaki aveva affermato che l'amministrazione Biden sta tenendo d'occhio la violazione subita da Microsoft.

L'amministrazione Biden sta formando una task force per fare fronte ad un recente attacco di Microsoft che ha colpito circa 30.000 clienti negli Stati Uniti e altri 250.000 in tutto il mondo, secondo quanto affermato alla CNN da un anonimo funzionario statunitense.

La fonte ha affermato che la Casa Bianca sta intraprendendo "una risposta governativa per valutare e affrontare l'impatto" della violazione che Microsoft sostiene sia stata condotta da hacker cinesi. 

"La Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) ha rilasciato una direttiva di emergenza per le agenzie e ora stiamo lavorando con i nostri partner e guardando da vicino i prossimi passi che dobbiamo compiere. Si tratta di una minaccia attiva ancora in via di sviluppo e invitiamo gli operatori di rete a prenderla molto sul serio", ha sottolineato il funzionario.

La task force verrà denominata Gruppo di coordinamento unificato (UCG) e sarà coordinato dal Consiglio di sicurezza nazionale, nonché dal Federal Bureau of Investigation (FBI) e dal CISA, tra gli altri.

Un'altra fonte anonima ha detto alla CNN che anche la National Security Agency (NSA) ha un ruolo nella risposta alla violazione, sottolineando che l'evento "ha il potenziale per influenzare simultaneamente le organizzazioni che sono fondamentali per la vita quotidiana negli Stati Uniti".

Le osservazioni hanno fatto seguito alle affermazioni del portavoce del Pentagono John Kirby, il quale ieri aveva dichiarato che il Dipartimento della Difesa sta valutando le sue reti per possibili danni dopo la violazione di Microsoft, prendendo anche "tutte le misure necessarie per identificare e porre rimedio a eventuali problemi legati alla situazione".

La violazione di Exchange Server

Giovedì scorso Microsoft ha accusato un gruppo di hacker con sede in Cina noto come "Hafnium" di aver violato la sua applicazione di posta elettronica Exchange Server.

Microsoft aveva precedentemente accusato Hafnium di aver tentato di rubare informazioni a ricercatori di malattie infettive, appaltatori della difesa, gruppi di esperti politici e organizzazioni non governative.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook