00:31 11 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
339
Seguici su

Al termine dell’incontro con il presidente della Repubblica irachena, Papa Francesco ha tenuto il discorso davanti alle autorità politiche e religiose della Repubblica dell’Iraq.

Dopo aver parlato con il presidente della Repubblica irachena, Barham Ahmed Salih Qassim, il Papa Francesco è intervenuto con il suo primo discorso in Iraq, rivolgendosi alle autorità politiche e religiose presso il palazzo presidenziale di Baghdad. Il Pontefice ha espresso gratitudine per la possibilità di poter finalmente fare un viaggio nella terra di Abramo:

"Sono grato dell’opportunità di compiere questa visita, a lungo attesa e desiderata, nella Repubblica dell'Iraq; di poter venire in questa terra, culla della civiltà strettamente legata, attraverso il Patriarca Abramo e numerosi profeti, alla storia della salvezza e alle grandi tradizioni religiose dell’Ebraismo, del Cristianesimo e dell’Islam", ha detto.

Nel suo discorso il Papa ha ricordato Giovanni Paolo II, il suo predecessore, il cui sogno di viaggiare nella terra di Abramo si è finalmente realizzato:

“Vengo come pellegrino di pace, in nome di Cristo, principe della pace. Quanto abbiamo pregato, in questi anni, per la pace in Iraq! San Giovanni Paolo II non ha risparmiato iniziative, e soprattutto ha offerto preghiere e sofferenze per questo”.

Il Papa resterà in Iraq per quattro giorni, fino all'8 marzo. Una visita di portata storica, la prima nel Paese, già teatro di sanguinarie guerre, e la prima visita internazionale di Bergoglio durante l'emergenza pandemica.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook