01:13 17 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 21
Seguici su

L'ex presidente del Barcellona, rimasto in carica fino a ottobre 2020, è stato arrestato per il proprio coinvolgimento nel caso Barçagate.

I Mosso hanno perquisito, la mattina di questo lunedì, gli uffici del Barcellona alla ricerca di informazioni relative al Barçagate. Lo riporta il quotidiano iberico Marca.

Diversi agenti dell'ente di sicurezza catalano, che hanno isolato l'accesso al sito, sono entrati nelle strutture e hanno effettuato delle perquisizioni, mettendo in stato di fermo tra gli altri il presidente blaugrana Josep Maria Bartomeu.

Lo scorso giugno gli agenti di polizia hanno già effettuato un altro sopralluogo su richiesta del giudice che si occupa del caso, Ariadna Gil. Oggi hanno cercato ulteriori prove e documenti e ci sono già stati i primi detenuti: Josep Maria Bartomeu, ex presidente blaugrana, Óscar Grau, CEO, Roman Gómez Ponti, dei servizi legali, e Jaume Masferrer, ex dirigente e braccio destro uomo dell'ex leader.

Il caso, scoperto a febbraio, denuncia che una società assunta dal club avrebbe condotto sui social una campagna diffamatoria di persone ed entità non legate al consiglio di amministrazione di Josep Maria Bartomeu, tra cui diversi giocatori della prima squadra, come Leo Messi e Gerard Piqué e le loro famiglie. Il club del Barcellona avrebbe assunto società per screditare personalità legate alle istituzioni. 

Bartomeu: "Ci difenderemo per quanto necessario"

Bartomeu, la cui immagine è stata notevolmente danneggiata, ha negato qualsiasi coinvolgimento in questa rete di discredito, ma il caso ha comportato, tra le altre conseguenze, diverse dimissioni nel suo Consiglio e licenziamenti.

L'ex presidente blaugrana ha annunciato la propria intenzione di difendersi in tutte le istanze "per quanto necessario".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook