09:32 14 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
1110
Seguici su

A Yerevan gli oppositori del premier vigente armeno Nikol Pashinyan hanno invaso un palazzo governativo sede di alcuni ministeri del Paese.

Un gran numero di manifestanti hanno fatto irruzione nel palazzo governativo del centro di Yerevan dove si trova l'ufficio del premier armeno Nikol Pashinyan.

Lo riferisce il corrispondente di Sputnik presente in Armenia.

Nell'edificio in questione sono situati gli uffici di diversi ministeri. Una volta entrati, gli oppsitiori hanno tenuto una dimostrazione nella hall al primo piano, gridando per chiedere le dimissioni del premier, e hanno poi abbandonato l'area.

"Concludiamo la nostra manifestazione. L'obiettivo era dimostrare che possiamo entrare in qualunque ministero", ha dichiarato uno dei dimostranti.

Proteste a Yerevan

Un'altra crisi politica è scoppiata a Yerevan dopo le parole imprudenti di Pashinyan sull'Iskander russo, secondo cui i missili Iskander utilizzati nel Nagorno-Karabakh dalle forze filo-armene "non sono esplosi o sono esplosi solo al 10%".

Secondo quanto riportato dai media, il vicecapo di Stato Maggiore dell'Armenia, Tiran Khachatrian, ha ridicolizzato il primo ministro per i suoi commenti, cosa per cui è stato congedato, così come ha cercato di fare il capo del governo con il capo dello Stato Maggiore, Onik Gasparyan.

Le forze armate armene hanno rilasciato una dichiarazione chiedendo le dimissioni dello stesso Pashinyan. Il primo ministro ha considerato questo un tentativo di colpo di stato e ha invitato i suoi sostenitori a scendere in piazza. Intanto l'opposizione ha eretto barricate e allestito tende vicino al Parlamento: non è disposta al dialogo e chiede le dimissioni del premier.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook