03:57 11 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
0 62
Seguici su

Il preparato è basato sul primo componente dello Sputnik V e garantisce un'immunizzazione da 4 a 5 mesi.

A Mosca, i primi partecipanti allo studio sul vaccino contro il coronavirus Sputnik Lite sono stati vaccinati, ha riferito quest'oggi ai giornalisti Anastasia Rakova, assessore per lo sviluppo sociale della capitale russa.

"Man mano che i volontari vengono esaminati, il volume delle vaccinazioni aumenterà. Attualmente le domande vengono presentate attivamente, 490 persone sono state sottoposte a visita medica in due giorni", ha detto.

La funzionaria ha ricordato che chiunque abbia più di 18 anni può diventare volontario, purché non sia stato malato di Covid-19, non abbia sofferto di patologie respiratorie e non abbia eseguito alcuna vaccinazione nell'ultimo mese e non presenti anticorpi specifici contro il SARS-CoV-2 o gravi reazioni allergiche.

"Si presume che questo vaccino sarà utilizzato per i giovani dai 18 ai 30 anni, che sviluppano una buona risposta immunitaria e già alla prima replicazione sviluppano sufficienti anticorpi. Sputnik Lite in combinazione con Sputnik V darà maggiori opportunità di vaccinazione ", - ha detto Rakova.

Lo Sputnik Lite è il primo componente del vaccino Sputnik V. Stando a quanto riferito dal direttore del Centro Gamaleya Alexander Gintsburg, una tale vaccinazione fornirà protezione per 4-5 mesi e ridurrà la probabilità di un grave decorso di Covid-19.

I vaccini russi contro il coronavirus

Oltre allo Sputnik V, sviluppato dal Centro Gamaleya, in Russia sono stati registrati altri due vaccini: l'EpiVacCorona del centro di Novosibirsk Vector" e Covivac, realizzato dal Centro scientifico federale per la ricerca e lo sviluppo di preparati immunobiologici Chumakov.

All'inizio di febbraio uno studio pubblicato dalla rivista Lancet ha confermato che l'efficacia dello Sputnik V è vicina al 92%.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook