03:02 15 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
3167
Seguici su

Telefonata tra Putin e Kurz: l'Austria punta a ricevere il vaccino russo Sputnik V ed in un secondo momento ad avviare in maniera congiunta la produzione dello stesso.

Il presidente russo Vladimir Putin ha tenuto una conversazione telefonica con il cancelliere austriaco Sebastian Kurz, durante la quale è stata sollevata la questione della fornitura del vaccino Sputnik V. Ne dà notizia il sito ufficiale del Cremlino.

"Il constrasto alla diffusione dell'infezione da coronavirus è stato discusse nel dettaglio, compresa la possibilità di fornire il vaccino russo Sputnik V all'Austria, nonché di impostare la sua produzione congiunta", afferma il comunicato.

A questo proposito i due capi di stato hanno "concordato ulteriori stretti contatti tra i servizi competenti dei due paesi".

Sebastian Kurz e Vladimir Putin
© Sputnik . Alexej Druschinin
Sebastian Kurz e Vladimir Putin

Sputnik V

Il vaccino russo, sviluppato dal centro di ricerca in epidemiologia e microbiologia Gamaleya e registrato dal Ministero della Salute russo l'11 agosto 2020, è stato il primo vaccino registrato al mondo contro il coronavirus.

A febbraio, la rivista medica The Lancet ha pubblicato un'analisi ad interim della sperimentazione clinica di fase III del vaccino russo, che mostra la sua efficacia del 91,6% contro i casi Covid-19 sintomatici.

Lo Sputnik V copre oltre 1 miliardo di persone

Il vaccino russo, somministrato da ieri anche a San Marino, è già stato approvato da 37 paesi nel mondo, per una popolazione complessiva di oltre 1 miliardo di persone:

“Un traguardo importante oggi: oltre 1,1 miliardi di persone vivono nei 37 paesi dove Sputnik V ha ottenuto l'autorizzazione di emergenza. Continueremo a lavorare con America Latina, Nord America, Europa, Africa, Medio Oriente e Asia per salvare vite umane e ricostruire le economie. Insieme siamo più forti!" - ha dichiarato Kirill Dmitriev, amministratore delegato del Fondo Russo per gli Investimenti Diretti.
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook