01:35 17 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
103
Seguici su

I pubblici ministeri federali in Germania hanno accusato un cittadino tedesco di spionaggio per conto della Russia. Il sospetto avrebbe raccolto dati segreti dall'edificio del parlamento e li avrebbe trasmessi a un agente dell'intelligence russa presso l'ambasciata russa a Berlino.

L'individuo, identificato come un certo Jens F, avrebbe raccolto file informatici contenenti planimetrie dell'edificio del parlamento tedesco - il Bundestag, mentre svolgeva lavori in appalto per la manutenzione di dispositivi elettrici portatili presso l’edificio.

Il sospetto è accusato di aver trasmesso le planimetrie registrate su supporto informatico a un agente dell'intelligence militare russa (GRU) che si dice sia stato assegnato all'ambasciata russa tra luglio e settembre 2017.

Bundestag
© AP Photo / Markus Schreiber
Bundestag

Le accuse contro l'uomo sarebbero state presentate il 12 febbraio, ma riportate solo oggi in un comunicato stampa.

I pubblici ministeri non hanno fornito ulteriori informazioni o prove, né un possibile movente per il presunto crimine.

Ai sensi del codice penale tedesco, lavorare come agente per un servizio di intelligence straniero comporta la pena della reclusione per un periodo non superiore a cinque anni e/o una multa e, "in casi particolarmente gravi", la reclusione da uno a dieci anni.

I funzionari russi non hanno commentato le accuse.

Le accuse di spionaggio arrivano in mezzo alle tensioni internazionali nel contesto della costruzione del Nord Stream 2, il grandioso progetto congiunto di infrastrutture energetiche che collega l’Europa alla Russia passando sotto il Mar Baltico e che promette di fornire alla Germania e ad altre nazioni europee fino a 55 miliardi di metri cubi di gas russo aggiuntivo all'anno direttamente tramite gasdotto. Washington e i suoi alleati europei hanno passato anni a tentare di ostacolare il progetto, applicando sanzioni e facendo pressioni sull'Europa per acquistare invece gas naturale liquefatto americano.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook