11:13 01 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
2 0 0
Seguici su

Il leggendario ambientalista australiano Steve Irwin, diventato famoso in tutto il mondo con la sua serie di documentari 'The Crocodile Hunter', avrebbe compiuto 49 anni il 22 febbraio. Una telecamera ha rivelato come sono stati gli ultimi minuti della sua vita, prima di morire per l'attacco di una razza.

Il tragico incidente è avvenuto il 4 settembre 2006, sul set del documentario 'Ocean's Deadliest on the Great Barrier Reef', in cui Irwin stava per esplorare le acque della Grande Barriera Corallina alla ricerca degli esseri più letali del mondo.

Il cameraman, di nome Justin, ha raccontato in un'intervista allo show mattutino australiano 'Studio 10' che Irwin e il suo equipaggio erano a bordo del loro gommone quando hanno avvistato un'enorme razza. Quello è stato il momento in cui Justin e Steve hanno deciso di immergersi sul fondo del mare per catturarne le immagini nel suo habitat naturale.

Gli uomini stavano per riemergere quando Irwin ha insistito per un ultima ripresa di lui che nuotava dietro la razza. All'improvviso, l'animale si è voltato e lo ha attaccato: "Si è trattato di centinaia di morsi in pochi secondi", ha rivelato Justin.

"Mi ha guardato con calma e ha detto: sto morendo. E quella è stata l'ultima cosa che ha detto", ha sottolineato il cameraman.

Justin ha rivelato che si aspettava un miracolo e che ha somministrato a Irwin la respirazione artificiale e la rianimazione cardiopolmonare prima dell'arrivo dei paramedici. Purtroppo "è stato dichiarato morto dieci secondi dopo la visita".

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook