16:00 17 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
101
Seguici su

La scorsa settimana Facebook aveva bloccato tutti i contenuti delle notizie australiane e diversi account del governo e del dipartimento di emergenza. Il gigante dei social network aveva compiuto tale mossa dopo non essere riuscito a trovare un accordo sulla proposta di legge che l’avrebbe penalizzato.

Il social ha bloccato agli australiani la condivisione di link e notizie, in risposta a un disegno di legge che avrebbe voluto imporre alle piattaforme digitali di pagare per la condivisione di notizie e che la Camera bassa aveva approvato il 17 febbraio a Camberra.

In tutta risposta alla nuova legge che l’avrebbe seriamente penalizzato, il social ha bloccato agli utenti australiani la condivisione di tutti i link e le notizie, sia locali che estere, oscurando anche numerosi servizi governativi come quelli sanitari, di polizia e di emergenza.

Una decisione senza precedenti che ha costretto il Governo a ‘più miti consigli’.

"Il Governo è stato informato da Facebook che intende ripristinare le pagine di notizie australiane nei prossimi giorni", hanno detto il tesoriere Josh Frydenberg e il ministro delle comunicazioni Paul Fletcher, annunciando contestualmente che l'Australia aveva accettato di modificare la legislazione che avrebbe voluto far pagare ai colossi media web per i contenuti delle notizie.

"Come risultato di questi cambiamenti, possiamo ora lavorare per promuovere i nostri investimenti nel giornalismo di interesse pubblico e ripristinare le notizie su Facebook per gli australiani nei prossimi giorni", ha detto Will Easton, amministratore delegato di Facebook Australia.

A sua volta, Facebook ha dichiarato in un post sul blog di essere soddisfatto di aver raggiunto un accordo con il governo australiano.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook