12:07 01 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
210
Seguici su

Le autorità della Repubblica Democratica del Congo hanno promesso di fare tutto il possibile per trovare gli organizzatori dell'attentato contro il convoglio Onu in cui hanno perso la vita l'ambasciatore italiano nel Paese africano Luca Attanasio e il carabiniere Vittorio Iacovacci, ha riferito radio Okapi.

Un convoglio del Programma alimentare mondiale delle Nazioni Unite (WFP), in cui si trovava il diplomatico italiano, è stato attaccato da un gruppo di guerriglieri nell'est della Repubblica Democratica del Congo. Nell'attacco sono rimasti uccisi l'ambasciatore italiano Luca Attanasio, il carabiniere Vittorio Iacovacci e l'autista di una delle vetture. Diverse persone sono rimaste ferite.

"Prometto al governo italiano che il governo del nostro Paese prenderà tutte le misure per trovare quelli dietro questo odioso assassinio", ha riferito il ministro degli Esteri Marie Tumba Nzeza.

Secondo la radio, il convoglio era composto da due veicoli con sette persone.

Il Programma alimentare mondiale ha affermato in una dichiarazione che il percorso del convoglio era stato concordato con le autorità della Repubblica Democratica del Congo ed era ritenuto sicuro, pertanto non era stata assegnata una scorta.

Tags:
Italia, Repubblica democratica del Congo
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook