19:02 07 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
111
Seguici su

Era dai tempi della Seconda guerra mondiale che negli USA non si registrava un calo così drastico nell'aspettativa di vita media dei cittadini.

L'impatto del Covid nei primi sei mesi del 2020 ha strappato un anno di aspettativa di vita ai cittadini americani. Il dato emerge da uno studio pubblicato oggi dal Centro americano per la prevenzione e il controllo delle malattie (CDC).

Stando al documento, si tratterebbe del calo più significativo mai avvenuto dalla fine della Seconda guerra mondiale.

Da gennaio a giugno dello scorso anno, l'aspettativa di vita di un americano medio è infatti scesa a 77.8 anni, rispetto ai precedenti 78.8.

Nella suddivisione per sesso, questo si traduce in una discesa più accentuata dell'aspettativa media maschile, da 76.3 a 75.1 anni, rispetto a quella femminile, da 81,4 a 80.5 anni.

Le minoranze etniche sono quelle che hanno subito il contraccolpo maggiore della pandemia, con l'aspettativa di vita degli afroamericani che è calata da 74.7 anni di media a 72 e quella degli ispanici da 81.8 a 79.9.

"Si tratta di un enorme crollo. Dobbiamo tornare indietro ai tempi della Seconda guerra mondiale, agli anni Quaranta, per trovare un calo come questo", ha riferito Robert Anderson del CDC.

Una tragica statistica

Stando agli ultimi dati aggiornati forniti dalle autorità sanitarie americane, nel corso del 2020 sono stati circa 3 milioni i decessi registrati sul territorio americano.

Di questi, oltre 500.000 sono attribuibili al coronavirus, pari dunque a circa un morto su sei; un dato che, peraltro, non tiene conto dei decessi per i quali il Covid non è stato causa primaria.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook