16:32 07 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
311
Seguici su

Il segretario generale della Nato Jens Stoltenberg ha detto che la decisione dell'alleanza sulla missione in Afghanistan non sarà semplice dal momento che un eventuale ritiro delle truppe potrebbe alzare il rischio di trasformare il Paese in un rifugio per i terroristi.

"Possiamo restare e continuare la nostra operazione militare. Oppure possiamo lasciare l'Afghanistan e rischiare che il Paese diventi di nuovo un rifugio per i terroristi. Non c'è una scelta semplice", ha detto Stoltenberg in un'intervista a Welt am Sonntag.

Ha sottolineato che nessun Paese della Nato vuole rimanere in Afghanistan "più a lungo del necessario".

"I talebani devono mantenere le loro promesse per ridurre la violenza e porre fine ai loro legami con i gruppi terroristici. Invece stiamo assistendo a un livello inaccettabile di violenza da parte dei talebani, diretta anche contro medici, giudici e giornalisti", ha detto Stoltenberg. 

"I giorni e le settimane a venire sono importanti. Si svolgerà il primo incontro ministeriale della Nato con la nuova amministrazione statunitense, e mi aspetto che gli alleati abbiano discussioni intense sulla futura presenza dell'Alleanza Atlantica in Afghanistan", ha detto il segretario generale della NATO.

Nel 2020 in Qatar gli Stati Uniti ed i talebani afghani hanno firmato il primo accordo di pace in oltre 18 anni di guerra, che prevede il ritiro delle truppe straniere dall'Afghanistan in 14 mesi e l'avvio del dialogo tra le varie parti politiche ed etniche afghane a margine dell'accordo sullo scambio di prigionieri.

Tags:
Difesa, Sicurezza, Geopolitica, Terrorismo, Talebani, Afghanistan, NATO, Jens Stoltenberg
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook