07:57 16 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
Di
5412
Seguici su

A colpi di tweet si scatena una battaglia sulla paternità dell’alimento patrimonio dell’Unesco.

È bastato un tweet per scatenare una vera e propria polemica mondiale. Oggetto del contendere? La paternità della pizza, alimento così famoso e indiscutibilmente noto che è stato inserito anche nella lista dei beni immateriali patrimonio dell’Unesco.

A far scattare la rissa virtuale è stato un tweet della municipalità di Chicago che nella giornata nazionale della pizza, il 9 febbraio, ha affermato: “Fieri di essere la Capitale della pizza nel mondo".

È seguito subito dopo un altro tweet, questa volta dall’account dello stato americano del New Jersey, in cui si ribadiva la paternità del famoso piatto: “New Jersey Pizza Capital of the World”.

Due affermazioni che hanno fatto scattare personaggi famosi e utenti, in particolare napoletani, presenti su Twitter, subito alla difesa dell’iconico piatto partenopeo e italiano.

Sotto il post dell’amministrazione di Chicago le reazioni non si sono fatte attendere. Stessa cosa sull’account del New Jersey. Spicca il commento dell’attore Salvatore Esposito, noto per il ruolo di "Genny" Savastano nella serie Gomorra: “After Napoli my US friends!!!”.

​Non è mancato chi ha twittato tutta la storia della pizza, da quando fu inventata a Napoli per la regina Margherita in poi. E moltissimi utenti hanno twittato in favore della pizza napoletana e italiana in generale, difendendone le origini.

Alcuni, come Ciro Pellegrino, hanno scherzato: "Cara Chicago, MAGNATEV 'O PANINO. Poi quando volete una pizza v'a' purtamm 'a domicilio".

La storia della pizza

Anche se gli Stati Uniti sono il Paese dove si consuma più pizza al mondo, 13 chili a testa all’anno, per tre miliardi di pizze vendute e 35 miliardi di euro di fatturato, la storia della pizza parla indubbiamente italiano.

In tutto il mondo la pizza, nelle sue varianti locali che si sono sviluppate nei secoli, ha un fatturato di 62 miliardi di euro, con cinque miliardi di pizze cotte in tutto il mondo.

L’amore degli americani per la pizza è sicuramente indiscusso, ma il piatto italiano è arrivato negli Stati Uniti soltanto all’inizio del Novecento insieme agli immigrati italiani.

Inizialmente veniva consumato quasi esclusivamente a Little Italy a New York.

I soldati americani in missione in Italia nella Seconda Guerra Mondiale se ne innamorarono e tornati negli Usa iniziarono a consumarla anche a casa.

La prima pizzeria degli Stati Uniti fu fondata da Gennaro Lombardi nel 1897.

Tags:
Chicago, Napoli, pizza
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook