12:00 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
22111
Seguici su

La strategia della Commissione sui vaccini non impedisce a Stati o Regioni di concludere contratti con sviluppatori non inclusi nel portafoglio vaccinale Ue.

La strategia sui vaccini della Ue non permette negoziati paralleli ma non impedisce a Stati e regioni di acquistare in autonomia i vaccini che non sono inseriti nel paniere vaccinale. Lo ha detto oggi in un punto stampa a Bruxelles il portavoce della Commissione Europea Stefan de Keersmaecke, a proposito dell'intenzione delle regioni italiane di acquistare vaccini fuori dal programma Ue. 

"I vaccini che sono stati comperati o negoziati dalla squadra dei negoziatori, con la Commissione e gli Stati membri tutti coinvolti, sono parte del portafoglio e la strategia non permette negoziati paralleli. Questo è molto chiaro", afferma Keersmaeke. 

Per quanto riguarda invece i vaccini non coperti dalla strategia vaccinale, ovvero non negoziati dalla Ue, "allora Stati o Regioni possono concludere contratti con tali sviluppatori: non c'è nulla nella strategia sui vaccini che lo impedisca".

Le regioni verso nuove forniture

Sono già diverse le regioni che, a causa dei tagli alle forniture, hanno dichiarato di voler procedere autonomamente all'acquisto di altri vaccini.

Veneto, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia potrebbero unire le forze, anche se presidente veneto Luca Zaia specifica che bisognerà attendere l'ok dell'Ema prima di considerare l'acquisto da altre aziende farmaceutiche. Nello specifico ha dichiarato di aver ricevuto proposte di acquisto del vaccino russo Sputnik V e dal cinese Sinovac. 

Competenza nazionale della salute

L'Ue ha concordato una strategia comune per le vaccinazioni che ha portato alla sigla dei contratti di pre-acquisto con alcune di aziende farmaceutiche. 

"Al di fuori di essa - continua Mamer - si applicano le normali competenze: la salute è competenza nazionale, con un ruolo di coordinamento per l'Ue su determinati aspetti", ha detto il portavoce capo Eric Mamer.

I contratti di acquisto anticipato della Commissione sono stati sottoscritti con le società farmaceutiche Pfizer-BionTech, Sanofi-Gsk, Janssen di Johnson & Johnson, AstraZeneca, Curevac e Moderna. Tuttavia sinora gli unici vaccini autorizzati da Ema sono Pfizer-Biontech, Moderna e AstraZeneca.

Tags:
vaccino, Commissione Europea, Coronavirus, UE
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook