15:36 05 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
0 13
Seguici su

Il cittadino australiano di origine sudcoreana Chan Han Choi si è dichiarato colpevole di aver violato le sanzioni delle Nazioni Unite contro la Corea del Nord, riferisce il canale televisivo australiano ABC.

Secondo le informazioni del canale tv, il sessantaduenne Chan Han Choi, nato nella Corea del Sud, si trasferì in Australia, dove nel 2000 ottenne la cittadinanza del Paese.

Nel 2017 fu arrestato per la mediazione in cinque operazioni sulla vendita di carbone, benzina e missili alla Corea del Nord. Come specificato da ABC, Chan Han Choi si chiamava fuori dalle operazioni prima che fossero concluse.

I Legami di Choi con la Corea Nord

Il pm Jennifer Single ha affermato che, nonostante le origini sudcoreane, Choi aveva "ampi legami" con la Corea del Nord: ha un conto in una banca nordcoreana, ha visitato il Paese almeno sette volte ed ha avuto contatti con le persone della Corea del Nord in modo regolare.

In precedenza la Corte Suprema di Sydney ha presentato a Choi sette capi d'accusa, tra cui c'era la prestazione dei servizi su programmi di armi di distruzione di massa e vendita delle armi alla Corea del Nord. Choi aveva negato tutte le accuse.

Come riportato dal giornale Sydney Morning Herald, il 10 febbraio all'uomo è stato presentato un nuovo atto d'accusa sulla mediazione nella vendita di armi, equipaggiamento militare, carbone dalla Corea del Nord ad altri paesi e di prodotti petroliferi raffinati alla Corea del Nord.
La bandiera della Corea del Nord.
© AP Photo / Wong Maye-E, File
La bandiera della Corea del Nord.

La giudice Christine Adamson ha comunicato che Choi si è dichiarato colpevole su due capi d'accusa, tra cui la violazione delle sanzioni dell'ONU nei confronti della Corea del Nord, riporta ABC. Il pm ha dichiarato che l'uomo potrebbe ricevere una condanna fino a dieci anni di reclusione.

L'avvocato di Choi ha sottolineato che l'imputato vendeva prodotti nordcoreani quando tali affari erano ancora legali.

"Si è dichiarato colpevole di aver violato l'embargo al commercio imposto alla Corea del Nord", cita il canale televisiva una dichiarazione dell'avvocato.

La prossima udienza in cui sarà stabilita la sentenza è in programma per il 19 marzo.

Una manifestazione a sostegno di Chan Han Choi

L'embargo in vigore contro Pyongyang

Nel 2017 il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite ha adottato una risoluzione che ha ampliato l'embargo commerciale contro la Corea del Nord. Il documento prevede il divieto di acquistare cibo, prodotti agricoli, macchinari, apparecchiature elettriche e attrezzature per la lavorazione dei minerali dalla Repubblica Popolare Democratica di Corea. Inoltre, la risoluzione ha vietato forniture, vendite e trasferimenti diretti e indiretti alla Corea del Nord di navi da trasporto, attrezzature industriali, ferro e acciaio. Le misure sono state introdotte in aggiunta alle restrizioni stabilite da nove precedenti risoluzioni del Consiglio di sicurezza (adottate dal 2006), che vietano alla Corea del Nord di esportare carbone, prodotti tessili, frutti di mare, ferro e altri beni che costituiscono la base delle esportazioni del Paese.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook