12:17 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
535
Seguici su

Un anno fa il ricercatore dell'Università di Bologna veniva arrestato in Egitto. In occasione della triste ricorrenza il Vicepresidente del Parlamento Europeo Fabio Massimo Castaldo e altri parlamentari UE tornano a chiederne a gran voce il rilascio.

L'appello giunge attraverso un video pubblicato sulla pagina Facebook 'Patrick libero'. 

A sottoscriverlo, oltre a Castaldo, sono stati gli europarlamentari Pierfrancesco Majorino, Soraya Rodríguez, Alessandra Moretti, Pina Picierno, Elisabetta Gualmini, Pietro Bartolo, Patrizia Toia, Brando Benifei.

Per Castaldo l'unica colpa di Zaki "è stata quella avere opinioni libere", mentre per Bartolo "è essersi occupato di diritti umani".

A proposito di Unione Europea, amare le parole della Picierno. 

"Patrick è il simbolo dell’Europa come la vorremmo ma è purtroppo diventato il simbolo del fallimento dell’Europa che abbiamo di fronte", ha detto. 

L'egiziano Patrick George Zaki, ventinovenne studente dell'Università di Bologna, è stato arrestato nel suo paese tra il 7 e l'8 febbraio del 2020.

Tra le imputazioni a suo danno anche l'accusa di propaganda sovversiva su Facebook, definita fake news dai legali del ragazzo.

Prima della visita della fidanzata, non vedeva alcun familiare da agosto e in passato aveva denunciato torture ai suoi danni, mirate anche a estorcere al ricercatore confessioni sul suo rapporto con l'Italia e Giulio Regeni.

Diverse udienze si sono svolte senza la presenza di Zaki né dei suoi legali.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook