12:29 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
0 60
Seguici su

Il 22enne italiano venne ucciso in Spagna, in un pestaggio davanti a una discoteca di Lloret del Mar nel 2017. Per il delitto furono ritenuti responsabili alcuni giovani ceceni rifugiati in Francia.

Arrestato in Francia su mandato di arresto europeo uno dei ceceni ritenuti responsabili della morte di Niccolò Ciatti, il 22enne di Scandicci massacrato di botte durante un pestaggio a Lloret del Mar, in Spagna, nel 2017.

Il mandato di arresto è stato emesso in base a una ordinanza di custodia cautelare del Gip di Roma, su richiesta della Procura della Repubblica, nei confronti di due ceceni ancora in libertà, che compaiono nel video dei Ros, inizialmente arrestato ma poi rilasciati per scadenza dei termini della carcerazione preventiva.

L'uomo è stato rintracciato a Strasburgo e arrestato dalle autorità di polizia francesi, su attivazione dei carabinieri del Ros con il supporto del Servizio di cooperazione internazionale di polizia.

Nel comunicato del Ros si legge che "il mandato di arresto europeo - emesso sulla base di una ordinanza di custodia cautelare in carcere del GIP del Tribunale di Roma, su richiesta della locale Procura della Repubblica - è stato spiccato anche nei confronti di un secondo ceceno già ristretto in Spagna per l'omicidio del connazionale (in quanto colpito da provvedimento restrittivo delle locali autorità)".

La giustizia italiana, si apprende inoltre dal comunicato, ha avviato le procedure per l'estradizione per sottoporre gli indagati a processo.

"Le investigazioni, svolte in costante raccordo con i collaterali spagnoli - prosegue il comunicato -, hanno consentito di acquisire solidi elementi identificativi degli autori del delitto e ricostruire appieno la dinamica dell'evento. Sono state avviate le procedure di estradizione".

L'omicidio Ciatti

Niccolò Ciatti è rimasto vittima di un furioso pestaggio davanti ad una discoteca di Lloret del Mar, celebre località turistica della Catalogna. A causa delle gravi ferite riportate morì in ospedale il giorno successivo. Individuati immediatamente i responsabili in tre giovani ceceni rifugiati in Francia. 

Fino ad ora solo uno dei ceceni, Rassoul Bissultanov, colui che sferrò il fatale calcio in testa, si trovava in carcere. Per gli altri due il pm spagnolo di Blanes aveva disposto l'archiviazione provvisoria in assenza di nuovi elementi, nell'estate 2019. 

Tags:
carabinieri, Spagna, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook