12:12 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
0 42
Seguici su

Pfizer aggiungerà 75 milioni di dosi del suo vaccino alle forniture già promesse all'UE. Queste dosi giungeranno agli Stati membri entro il secondo trimestre del 2021.

“Stiamo lavorando con le compagnie farmaceutiche per assicurare la consegna dei vaccini agli europei”, scrive su Twitter la presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen, e aggiunge la notizia che BioNTech e Pfizer consegneranno 75 milioni addizionali di dosi del vaccino a partire dal secondo trimestre del 2020, raggiungendo così 600 milioni di dosi entro il 2021.

Sembra essere l’epilogo, positivo, della battaglia tra paesi europei e la società farmaceutica innescata allorquando la Pfizer a metà gennaio aveva annunciato un ritardo nelle forniture, poi trasformatosi in una riduzione delle dosi consegnate che ha costretto tutti gli Stati dell’UE a rivedere i tempi dei rispettivi piani vaccinali.

​Ma anche Moderna continua a consegnare meno dosi di quante promesse contrattualmente, e AstraZeneca, che solo da pochi giorni ha ottenuto l’autorizzazione all’uso in emergenza da parte dell’Ema, ha affermato che non ha alcun obbligo nei tempi di consegna ma solo nel quantitativo.

In precedenza l'Avvocatura dello Stato italiana ha inviato a Pfizer una diffida per i ritardi nelle consegne dei vaccini Covid-19 al fine di spingere l'azienda "ad adempiere ai propri obblighi contrattuali relativi, anzitutto, alla mancata consegna di dosi destinate alla campagna di vaccinazione della popolazione italiana".

Tags:
Ursula von der Leyen, vaccino
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook