16:07 07 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
51021
Seguici su

La Fondazione Anticorruzione (FBK, catalogata come agente straniero dal ministero della Giustizia russo) ha inviato una lettera al presidente americano Joe Biden esortandolo a imporre sanzioni contro 35 alti funzionari e imprenditori russi, inclusi quelli vicini a Vladimir Putin, segnalano i media statunitensi riferendosi alla copia della lettera.

"La lettera è indirizzata al presidente degli Stati Uniti, il Paese più grande. Hanno precedenti di introduzione di sanzioni contro persone coinvolte in casi di corruzione. Se qualcuno può fare qualcosa, sono gli Stati Uniti", ha affermato alla Cnn il direttore della Fondazione Vladimir Ashurkov, che ha firmato la lettera.

Ashurkov ha aggiunto che il FBK prevede di presentare la stessa richiesta all'Unione Europea e al governo britannico.

Allo stesso tempo il Washington Post ha pubblicato la lettera che conteneva i nomi degli alti funzionari e uomini d'affari russi da sanzionare. Il miliardario russo Roman Abramovich è il primo della lista.

Altri nomi includono il ministro della Salute russo Mikhail Murashko, il miliardario Oleg Deripaska, l'amministratore delegato di Rosneft Igor Sechin, il portavoce del Cremlino Dmitry Peskov, la direttrice di Sputnik e Rt Margarita Simonyan, il sindaco di Mosca Sergey Sobyanin ed il premier russo Mikhail Mishustin.

"Non volevamo rendere pubblica questa lista fino a quando non avremo preparato il dossier completo su di loro. Ma dopo il suo arresto sapevamo che dovevamo agire", ha detto Ashurkov alla CNN.

In precedenza il consigliere alla sicurezza nazionale della Casa Bianca Jake Sullivan aveva affermato che le relazioni russo-americane durante l'amministrazione Biden saranno "difficili".

Tags:
Sanzioni, Alexey Navalny, Joe Biden, USA, Russia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook