15:30 05 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (239)
172
Seguici su

L'istituto tedesco Paul Ehrlich, responsabile dei medicinali, ha confermato oggi, venerdì 29 gennaio, di essere già in contatto con la Russia in merito alle pratiche burocratiche per la registrazione nell'Unione europea del vaccino Sputnik V contro il coronavirus.

"Non direi che si tratti di cooperazione perché abbiamo obiettivi diversi rispetto agli sviluppatori, ma sì, ci sono state richieste, ci sono stati contatti su questo. L’Istituto Paul Ehrlich offre supporto internazionale, per questo abbiamo consultato i nostri colleghi russi tramite una videoconferenza su due aspetti della regolamentazione sui medicinali nell'UE", il capo dell'istituto, il dottor Klaus Cichutek, ha detto in una conferenza stampa.

Cichutek, ha poi specificato che i due aspetti citati riguardavano le condizioni esistenti per la registrazione e la  necessità di ulteriori consultazioni con colleghi di altri paesi dell'UE.

L'Istituto Paul Ehrlich

L'Istituto Paul Ehrlich non è solamente un istituto di ricerca tedesco ma è anche un organismo di regolamentazione medica nonché è l'istituto federale tedesco per i vaccini e la biomedicina. Si tratta di un'agenzia federale e subordinata al Ministero della Sanità. È anche un Centro di collaborazione dell'OMS per la garanzia della qualità dei prodotti sanguigni e dei dispositivi diagnostici in vitro. Si trova a Langen, in Assia, vicino a Francoforte, e prende il nome dall’immunologo e premio Nobel Paul Ehrlich (1854 –1915).

Lo Sputnik V

L'11 agosto scorso la Russia ha registrato il suo primo vaccino contro il Covid-19, chiamato Sputnik V e sviluppato dagli scienziati del Centro di Epidemiologia e Microbiologia "Gamaleya". Il farmaco è commercializzato dal Fondo Russo per gli Investimenti Diretti, responsabile della conduzione delle trattative sull'esportazione e produzione all'estero di questo farmaco.

Il vaccino è costituito da due componenti e il vettore utilizzato per indurre la risposta immunitaria dell'organismo si basa su un adenovirus umano. Il vaccino viene somministrato due volte, in un intervallo di 21 giorni. Negli studi clinici ha mostrato un'efficacia del 100% contro i casi gravi di Covid-19, ovvero nessuno dei soggetti vaccinati nei test ha contratto sintomi gravi della malattia se infettato dal coronavirus.

L'Ungheria è stata il primo Paese dell'Unione Europea ad aver già registrato Sputnik V. In precedenza l'uso di questo preparato era stato autorizzato dalle autorità competenti di Emirati Arabi, Argentina, Bolivia, Serbia, Algeria, Palestina, Venezuela, Paraguay, Turkmenistan e Bielorussia.

In precedenza il vaccino Sputnik V è stato registrato anche in Iran, dove si prospetta la possibilità di una produzione congiunta delle dosi di vaccino.

In mattinata lo stesso Fondo Russo per gli Investimenti Diretti ha annunciato che la Russia sarebbe in grado e pronta a fornire l'Europa di 100milioni di dosi di vaccino, sufficienti a vaccinare 50 milioni di abitanti, nel secondo trimestre dell'anno.
Tema:
Lo sviluppo del vaccino russo contro il coronavirus (239)
Tags:
Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook