02:15 28 Febbraio 2021
Mondo
URL abbreviato
1 0 0
Seguici su

Nelle acque reflue di Vienna è stato rilevato il ceppo britannico del coronavirus B.1.1.7. Lo ha riferito la radiotelevisione nazionale austriaca ORF, citando una dichiarazione di Norbert Kreuzinger, portavoce dell'Istituto per la qualità dell'acqua e la gestione delle risorse presso l'Università tecnica di Vienna.

Un campione prelevato lo scorso 11 gennaio all'impianto di depurazione centrale ha mostrato la presenza del ceppo.

"Il sospetto, sorto dopo i test preliminari, che la mutazione B.1.1.7 fosse presente nelle acque reflue di Vienna, è stato confermato", ha dichiarato Kreuzinger all'emittente radiofonica.

Al momento gli esperti non possono rilasciare valutazioni su quanto sia diffuso il ceppo britannico nella città, ma sono già in corso i lavori di sequenziamento di altri campioni.

La variante "britannica"

A metà dicembre i funzionari sanitari del Regno Unito hanno annunciato che nel paese è stata identificata una nuova variante del coronavirus. NERVTAG (New and Emerging Respiratory Virus Threats Advisory Group), il comitato tecnico scientifico sulla pandemia britannico, ha confermato che la nuova variante del coronavirus individuata nel Paese si sta diffondendo a un ritmo più veloce e richiede maggiore cautela da parte della popolazione.

Sebbene la nuova variante del virus, secondo stime preliminari, possa essere il 70% più contagiosa del virus SARS-CoV-2 normale, al momento non ci sono informazioni che suggeriscano che sia più pericolosa in termini di decessi o ricoveri.

A inizio gennaio in Austria sono stati rilevati i primi casi di contagio da questa variante del coronavirus.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook