15:33 05 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
0 40
Seguici su

Continuano le problematiche relative alla distribuzione in Europa del vaccino Pfizer-BioNtech.

La Svezia ha deciso di interrompere i pagamenti all'azienda farmaceutica Pfizer finché non sarà chiarita univocamente la questione del numero di dosi contenute in ogni fiala.

Inizialmente, al momento dell'approvazione d'emergenza per il vaccino Pfizer da parte dell'Ue, era stato comunicato che ogni fiala di preparato avrebbe contenuto 5 dosi.

Una cifra, quest'ultima, andatasi poi a modificare dopo che l'Agenzia europea del farmaco (EMA) ha annunciato che, utilizzando uno specifico tipo di ago, sarebbe stato possibile estrarre fino a 6 dosi, portando alla fatturazione di sei dosi per fiala da parte di Pfizer.

"E' inaccettabile. Se un Paese ha la possibilità di estrarre solo 5 dosi, allora riceverà meno dosi al medesimo prezzo", ha riferito il coordinator della campagna vaccinale svedese Richard Bergstrom al quotidiano svedese Dagens Nyheter.

L'intenzione del governo di Stoccolma, a questo punto, è quella di attendere l'Unione europea per una soluzione congiunta da trovare con gli altri Stati membri.

"Non importa l'entità delle fatture che ci hanno inviato sinora, abbiamo detto che attenderemo un messaggio dell'Unione europea per capire quale applicare", sono state le parole dell'epidemiologo Anders Tegnell.

La risposta di Pfizer

In un'intervista concessa all'emittente nazionale svedese SVT, la capo ufficio stampa di Pfizer per la Svezia, Ulrika Goossens, ha dichiarato che la scelta di fatturare sei dosi per ogni fiala è stata presa al fine di attenersi alle regulation già approvate dall'Ema per il vaccino.

"Sin dall'approvazione della sesta dose, partiamo da quel numero. Dobbiamo essere conformi alle regulation già approvate per il prodotto", ha dichiarato la Goossens.

Il vaccino Pfizer in Svezia

Alla fine dell'anno il Ministero per il Commercio e l'Industria svedese ha reso noto di essersi assicurato 6,7 milioni di dosi di vaccino  Pfizer-BioNtech.

Una cifra, quest'ultima, sufficiente a vaccinare circa 3,3 milioni di persone su un totale della popolazione di circa 10 milioni.

A metà gennaio tuttavia Pfizer ha annunciato dei ritardi sulle consegne dei vaccini verso l'Europa, causati secondo l'azienda dalla necessità di migliorare le tecnologie impiegate nei processi produttivi. Fino ad ora Stoccolma ha ricevuto soltanto 170.000 delle dosi acquistate.

Fino ad oggi in Svezia sono stati registrati oltre 550.000 casi di Covid-19, a fronte di 11.200 decessi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook