08:01 16 Maggio 2021
Mondo
URL abbreviato
2170
Seguici su

Le proteste anti-Covid hanno avuto luogo nella giornata di domenica e hanno visto scendere in piazza circa 1.500 persone tra le città di Amsterdam e Eindhoven.

Almeno 190 persone sono state fermate ad Amsterdam, capitale dei Paesi Bassi, in relazione alle proteste contro le norme anti-Covid imposte dal governo verificatesi nella giornata di domenica.

A riferirlo, in un comunicato ufficiale pubblicato su Twitter, è la polizia locale neerlandese:

"190 arresti eseguiti dopo le dimostrazioni sulla Piazza del Museo, 33 arresti (di cui 7 di minori) per atti di violenza, 142 arresti per la violazione della legislazione municipale e 15 arresti per la violazione dell'articolo 184", si legge nella nota.

Come è possibile vedere dai video postati sui social network, le manifestazioni sono deteriorate in scontri in alcune zone della città, con i riottosi che hanno cominciato a prendere d'assalto i negozi e a distruggere le vetrine dei negozi, con atti diffusi di sciacallaggio. Per le strade sono poi state erette delle vere e proprie barricate al fine di impedire la circolazione dei veicoli delle forze dell'ordine.

Altre proteste hanno poi avuto luogo nella importante città portuale di Eindhoven, dove si sono verificati lanci di petardi all'indirizzo delle forze di polizia e alcune autovetture sono state date alle fiamme.

In totale si stima che, nelle due città interessate dalle proteste, siano scese in piazza circa 1.500 persone.

Nei Paesi Bassi sono in vigore da alcuni mesi delle misure anti-Covid senza precedenti, che prevedono il coprifuoco in tutto il Paese per la prima volta dalla fine della Seconda guerra mondiale dalle ore 21:00 alle 4:30, con le uniche eccezioni a tale regola che vengono fatte per le persone che presentino motivazioni di comprovata necessità per lo spostamento.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook