21:37 25 Febbraio 2021
Mondo
URL abbreviato
0 30
Seguici su

Ti svegli nel cuore della notte e non riesci a tornare a dormire? Attenzione, perché potrebbe essere il sintomo di varie malattie.

Nella maggior parte dei casi i risvegli notturni sono causati da problemi respiratori, come tosse o apnea del sonno, cioè quando le vie aeree sono parzialmente o completamente bloccate, provocando nella persona la ripetuta mancanza di respiro durante la notte. Questo, a sua volta, fa sì che la persona si svegli a causa di un calo dei livelli di ossigeno nel sangue.

Sebbene l'apnea sia solitamente il prodotto di una malformazione fisiologica delle mascelle e delle vie aeree, in molti casi è dovuta all'obesità e alle abitudini malsane. Per prevenire l'apnea e il russare, è necessario condurre uno stile di vita sano e cercare di evitare di dormire sulla schiena.

Potrebbe però trattarsi anche di malattie della tiroide, come l'ipotiroidismo. Oltre all'insonnia, tra i sintomi possiamo trovare sonnolenza e stanchezza durante il giorno, sudore notturno e piedi e mani fredde.

"I pazienti con ipertiroidismo sentono stanchezza e esaurimento da disturbi del sonno che li inducono a non riconciliarsi, e se lo fanno, si svegliano senza essersi riposati", ha spiegato il dottor Oscar Vidal, della Clinica Barnaclinica.

Anche gli adulti più anziani hanno spesso problemi a dormire e, in tal caso, è dovuto alla ridotta produzione del cosiddetto ormone del sonno, la melatonina, dalla ghiandola pineale del cervello.

Consigli per un migliore riposo

Oltre a prendere integratori alimentari alla melatonina, è anche consigliabile consumare più alimenti con un alto contenuto di triptofano, un amminoacido in grado di migliorare la produzione di melatonina. Gli alimenti che contengono più triptofano includono avena, patate, soia, nocciole, pollo, tonno, tuorlo d'uovo e formaggio.

Per addormentarsi e non svegliarsi di notte, il consiglio è quello di dormire in una stanza buia, tranquilla e fresca. Inoltre, cercare di non assumere caffeina o alcol e utilizzare dispositivi che emettono luce blu (laptop, smartphone o tablet) un'ora o due prima di andare a letto.

In precedenza è stata rivelata una tecnica utilizzata dai militari per riuscire ad addormentarsi in 120 secondi con alcuni semplici step.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook