03:40 02 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
0 22
Seguici su

Il Fondo russo per gli investimenti diretti (RDIF), responsabile della produzione e della distribuzione del vaccino Sputnik V, sabato ha confutato affermazioni secondo le quali l'imprenditore messicano Alejandro Cossio ha acquistato due milioni di dosi del vaccino insieme ai diritti di distribuzione esclusiva per Messico e America Centrale.

Cossio ha rilasciato tali dichiarazioni in un'intervista al quotidiano Financiero dopo che il presidente messicano Andres Manuel Lopez Obrador ha annunciato l'autorizzazione all'acquisizione di vaccini approvati da autorità regionali e società private. Fonti del settore medico hanno affermato che quelle affermazioni erano false.

"L'RDIF smentisce le notizie sull'acquisto di 2 milioni di dosi di Sputnik V e sui diritti esclusivi per venderlo in Messico e Centro America da parte dell'imprenditore messicano Alejandro Cossio. Queste informazioni non corrispondono alla realtà", ha detto il Fondo in un comunicato.

L'organizzazione ha continuato avvertendo i media della campagna di disinformazione contro lo Sputnik V, che include la diffusione di notizie false di notte e nei fine settimana per rendere più difficile la loro verifica.

"Il servizio stampa di RDIF è attivo 24 ore su 24 e chiede ai giornalisti di verificare le informazioni prima di pubblicarle per evitare di diffondere notizie fuorvianti", prosegue il comunicato.

Il Messico ha lanciato la sua campagna di vaccinazione all'inizio del mese, utilizzando il vaccino sviluppato dalla società farmaceutica Pfizer.

Allo stesso tempo, le autorità del paese prevedono di ricevere le prime 400.000 dosi di Sputnik V la prossima settimana, nonostante non sia ancora stato approvato per l'uso di emergenza.

Correlati:

Vaccino Covid, firmato l'accordo per produrre il vaccino russo Sputnik V in Turchia
Vaccino Covid, Ungheria e Russia firmano un accordo per consegna dello Sputnik V
Russia e Israele discutono cooperazione nella produzione congiunta di vaccini - Ambasciatore
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook