15:46 07 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
5010
Seguici su

Ursula von der Leyen chiede agli Stati europei di fare di più in termini di tamponi e di sequenziamento dei test e promette l'aiuto dell'ECDC in questo sforzo contro il Coronavirus.

La presidente della Commissione Europea Ursula von der Leyen chiede un giro di vite agli Stati membri per mappare e tracciare meglio il virus.

Servono più test e sequenziamento afferma ma anche una nuova classificazione per le zone rosse, “introducendo le zone rosso scuro, in cui il virus è a un livello molto elevato”.

La preoccupazione della von der Leyen è rivolta alle “diverse varianti del coronavirus” che sta mietendo migliaia di vittime come testimoniano i dati del Regno Unito dove in un solo giorno sono morte 1820 persone: è come una guerra.

La presidente della Commissione europea chiede che ci sia una maggiore conoscenza di queste varianti e della loro diffusione nel territorio dell’Unione Europea, ergo, servono indagini scientifiche da parte dei centri di ricerca epidemiologica che analizzino i vari ceppi del virus presenti territorialmente.

E sui viaggi il presidente del Consiglio europeo Charles Michel aggiunge: "siamo anche convinti che, per quanto riguarda i viaggi non essenziali, delle restrizioni devono poter essere previste".

Finanziamenti mirati per il sequenziamento

La von der Leyen fa presente che per il sequenziamento in Europa si fa molto poco. Meno dell’1% dei test positivi viene sequenziato e solo due Stati hanno un sequenziamento al 10%.

La richiesta è di aumentare il sequenziamento per ottenere come media europea il 5%.

“La Commissione sosterrà questi sforzi tramite l’Ecdc e finanziamenti mirati”, ha riferito la presidente della Commissione.

Motivi di speranza

La speranza data dal vaccino è concreta, ma la diffusione del virus è per ora più veloce della campagna vaccinale. Pfizer, poi, in queste ultime settimane ha ridotto le consegne in tutta Europa causando un rallentamento alle vaccinazioni.

Agli Stati però Ursula von der Leyen chiede di usare in modo “efficiente e rapido” i vaccini disponibili e di non sperperarli.

E poi quasi promette: “Guardiamo ai nuovi vaccini che arriveranno presto”.

La situazione epidemiologica in Europa

In Europa (EU/EEA) sono 17.906.888 i casi accertati, con la Francia prima con quasi tre milioni di casi, seguita dall’Italia e dalla Spagna con 2,3 milioni. La Germania ha 2 milioni di casi positivi.

I decessi in Europa (EU/EEA) sono 425.618, con l’Italia prima (82.177) e la Francia seconda (70.283) e quindi la Spagna (53.769), mentre la Germania è ora quarta con 46.633 morti di Coronavirus (fonte dati: ECDC).

Per numero di casi accertati l’EU/EEA è seconda dietro agli Stati Uniti, ma per numero di decessi supera gli USA che contano 410.105 morti.

Tags:
Commissione Europea, Ursula von der Leyen, Coronavirus
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook