23:25 25 Febbraio 2021
Mondo
URL abbreviato
394
Seguici su

A due uomini della Guardia Nazionale degli Stati Uniti è stato impedito di prendere parte alla sicurezza per l'insediamento di Joe Biden a causa di legami con un gruppo radicale, ha riferito l'agenzia Associated Press, citando fonti nell'esercito e nell'intelligence statunitense.

Le fonti dell'agenzia non hanno indicato di quale gruppo radicale si tratti e in quale unità servivano i militari sospesi.

Inoltre, si fa notare che gli accertamenti eseguiti non hanno rilevato nessun tentativo di sabotaggio della cerimonia di insediamento del neo presidente statunitense Joe Biden.

In precedenza Associated Press aveva riferito che l'esercito americano teme un possibile attacco dall'interno o un'altra minaccia da parte degli ufficiali della Guardia Nazionale coinvolti nel fornire la sicurezza alla cerimonia dell'insediamento del presidente eletto degli Stati Uniti Joe Biden.

Per questo motivo l'FBI ha intensificato i controlli. Successivamente anche il Pentagono ha annunciato che, seguendo l'FBI, si sarebbe occupato dei controlli dei militari della Guardia Nazionale che parteciperanno alla cerimonia.

A Washington durante l'insediamento di Biden il 20 gennaio, verranno schierate circa 25mila uomini della Guardia Nazionale di diversi stati. Queste misure senza precedenti sono state adottate dopo che il 6 gennaio una folla di sostenitori del presidente uscente Donald Trump ha fatto irruzione in Campidoglio nel momento in cui il Congresso stava approvando l'elezione di Biden.

Due persone sono morte, altre tre sono decedute per cause non legate alla violenza. La Camera dei Rappresentanti ha votato a favore dell'impeachment a Trump con l'accusa di "grandi crimini e misfatti e di incitazione alla violenza contro il governo degli Stati Uniti", ma Trump è rimasto al potere perché il Senato non ha preso la stessa decisione.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook