02:06 08 Marzo 2021
Mondo
URL abbreviato
737
Seguici su

Non si tratterebbe della prima amnistia proclamata dal presidente americano nel corso dei suoi quattro anni alla Casa Bianca.

Il presidente uscente degli Stati Uniti, Donald Trump, si starebbe preparando ad annunciare la grazia per circa un centinaio di cittadini americani, ad appena un giorno dall'insediamento del neo capo di stato Joe Biden.

A riportarlo è la CNN citando alcune fonti vicine alla Casa Bianca, precisando che tra i destinatari della possibile amnistia potrebbero esserci anche "colletti bianchi, rapper di alto profilo e altro".

Difficile, invece, che l'elenco dei graziati includa lo stesso Trump, sebbene si ritenga che il tycoon possa aver valutato anche questa particolare ipotesi.

Secondo l'emittente americana, il piano di Trump avrebbe previsto l'amnistia per due tranche di accusati, da annunciare rispettivamente nel corso della passata settimana e nella giornata di domani, ma il piano sarebbe cambiato in corsa dopo le accuse rivolte verso lo stesso presidente americano per incitazione alla violenza in occasione delle proteste di Washington del 6 gennaio.

Attualmente, l'ipotesi più accreditata vedrebbe Trump pronto ad annunciare tutte le persone che riceveranno la grazia in un'unica soluzione e tra questi potrebbero essere presenti anche diversi alleati politici.

Possibile liberazione per Julian Assange?

Sebbene il nome di Julian Assange non sembri al momento figurare tra quelli dei destinatari dell'amnistia, la CNN ha riferito che in questo senso la situazione potrebbe diventare piuttosto fluida.

Le precedenti amnistie

In passato il presidente americano aveva concesso la grazia a diverse figure di spicco, tra cui gli ex membri della sua campagna Roger Stone e George Papadopoulos, l'ex consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn.

Aveva invece fatto molto discutere la clemenza mostrata nei confronti di una serie di mercenari privati della Blackwater, accusati di aver ucciso nel 2007 dei civili disarmati a Baghdad, in Iraq.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook