21:44 25 Febbraio 2021
Mondo
URL abbreviato
103
Seguici su

In questi due decenni l'ormai celebre piattaforma di conoscenza condivisa, ha offerto al mondo circa 55 milioni di articoli scritti da volontari in ben 300 lingue, collocandosi al tredicesimo posto fra i siti web più visitati del pianeta (oltre 10 miliardi di visualizzazioni mensili).

Wikipedia, il cui nome nasce dalla fusione della parola hawaiana wiki (veloce) col suffisso -pedia (dal greco antico "formazione"), è stata fondata il 15 gennaio del 2001 da Larry Sanger e Jimmy Wales. E proprio quest'ultimo la definisce come "il più grande bene comune digitale offerto da Internet".

In effetti è priva di fini di lucro e, così come i suoi contenuti provengono dai cybernauti, così il modello economico su cui si basa la sua sopravvivenza è quello della raccolta di fondi fra i suoi utenti.

Per comprendere meglio il funzionamento di Wikipedia, basti pensare a come nell'ultimo anno, centinaia di editori abbiano contribuito a quello che ora equivale a un breve libro su ogni aspetto del Covid-19. O ancora come nel corso degli anni l'elenco dei wrestler professionisti della WWE abbia subito una cosa come 53.000 modifiche. Questo è possibile perché, come spiega David Gerard, citato da BBC, che è stato un editore volontario sin dai primi giorni, "chiunque può fare una modifica".

A differenza della maggioranza delle grandi piattaforme, Wikipedia non contiene pubblicità e non fa uso di cookie per la raccolta dei dati degli utenti. Inoltre negli anni ha preso apertamente posizione a favore della libertà di rete e in temi come il copyright, la sorveglianza e la censura.

Come ricorda una nota della piattaforma, a testimoniare l’impegno di Wikipedia per la valorizzazione della conoscenza e del patrimonio culturale, è Wiki Loves Monuments: il più importante contest fotografico al mondo, giunto quest'anno alla decima edizione.

Ma non è tutto oro quello che luccica. Nonostante i nobili intenti, infatti, in passato Wikipedia non è stata esente da polemiche. In particolare possiamo citare le controversie relative all'editing delle sue voci e le accuse di sessismo. Da qui l'esigenza di dotare il sito di un nuovo codice etico, che dovrebbe entrare in vigore nei prossimi mesi.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook