03:05 28 Febbraio 2021
Mondo
URL abbreviato
101
Seguici su

Dopo le rivolte del 6 gennaio che hanno visto i sostenitori di Trump attaccare Capitol Hill, tre membri di spicco dell'amministrazione Trump si sono dimessi, tra cui il segretario ad interim della sicurezza nazionale Chad Wolf.

Il segretario alla Sanità degli Stati Uniti Alex Azar ha annunciato che si dimetterà dal suo incarico, motivando la decisione con le rivolte del Campidoglio. Rimarrà comunque in carica fino al 20 gennaio, l'ultimo giorno di Trump alla Casa Bianca.

"Sfortunatamente, le azioni e la retorica seguite alle elezioni, soprattutto durante la scorsa settimana, minacciano di offuscare queste e altre eredità storiche di questa amministrazione", ha detto Azar nella sua lettera, riferendosi alla risposta dell'amministrazione Trump alla pandemia di coronavirus. "Gli attacchi al Campidoglio sono stati un attacco alla nostra democrazia e alla tradizione di transizione pacifica del potere che gli Stati Uniti d'America hanno portato per primi nel mondo".

Ha esortato Trump a "condannare in modo inequivocabile qualsiasi forma di violenza" e a chiedere che nessuno tenti di interrompere l'imminente insediamento di Joe Biden.

All'inizio della giornata, Azar ha dichiarato a NBC News in un'intervista che gli Stati Uniti non hanno una scorta di riserva di vaccini contro il coronavirus, ma era fiducioso che la "produzione in corso" sarà sufficiente per fornire alla gente la loro seconda dose.

Con le sue dimissioni, il segretario alla Salute nominato da Trump diventa il quarto membro dell'amministrazione del presidente uscente a rassegnare le dimissioni all'indomani della violenta insurrezione del Campidoglio del 6 gennaio.

In precedenza anche il segretario ai Trasporti Elaine Chao, il segretario all'istruzione Betsy Devos e il segretario ad interim per la sicurezza interna Chad Wolf si erano dimessi con motivazioni simili.

L'assalto al Campidoglio

Il 6 gennaio il Campidoglio ha visto folle di sostenitori di Trump assaltare e saccheggiare l'edificio, con la rivolta che ha provocato cinque morti, tra cui quella di un ufficiale di polizia che è stato colpito con un estintore. Il presidente, che lascerà la Casa Bianca entro cinque giorni, mercoledì è stato messo sotto accusa per la seconda volta per "incitamento all'insurrezione".

Trump ha negato le sue presunte colpe, insistendo sul fatto che non ha mai voluto la violenza nelle strade degli Stati Uniti. Dopo l'assalto, ha esortato più volte i suoi sostenitori ad astenersi dalla violenza nel giorno dell'insediamento di Biden.

Correlati:

Trump annuncerà una svolta nella cura del "virus cinese"
Gli USA comprano tutte le scorte mondiali di un farmaco anti COVID e lasciano gli altri a secco
Moderna avvia i test del vaccino anti-COVID su adolescenti negli Stati Uniti
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook