14:12 17 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
230
Seguici su

Con una mossa a sorpresa, la polizia svedese ha chiesto aiuto ai media per individuare il proprietario di un vero cannone vecchio di almeno trecento anni, sequestrato insieme ad altri beni, alcuni dei quali rubati. Se alcun proprietario reclamerà la merce smarrita, questa verrà distrutta, messa all’asta, o finirà in un museo.

Se vi siete persi un cannone del seicento in zona Uppsala qualche anno fa, è giunta l’ora di reclamarlo, altrimenti sappiate che lo perderete per sempre. Più o meno questo il tenore della richiesta delle autorità svedesi apparso sui media del Paese scandinavo.

D’altra parte il cannone giace confiscato nei magazzini della polizia di Uppsala già da due anni e le autorità, prima di prendere una decisione definitiva, devono pur provare a contattare il proprietario.

"Abbiamo cercato nel registro i beni nazionali e abbiamo provato a fare un confronto con le denunce di furto", ha detto il portavoce della polizia Jonas Eronen all'emittente nazionale SVT. "È un bel pezzo e sembra davvero antico", ha aggiunto.

Una delle supposizione della polizia è che il cannone fosse in una villa o fattoria nelle vicinanze.

"Potrebbe essere stato in una villa o in una fattoria nei boschi della contea di Uppland", ha detto Eronen.

Gli storici dell'Uppland Museum hanno cercato di fare più luce sulla rara scoperta.

“Non è stato usato in battaglia. Quello che penso è che abbiamo a che fare con un cannone a salve. Uno di quelli che si usavano per sparare saluti nelle occasioni festive ", ha detto a SVT il vicedirettore del Museo di Uppland, Berit Schütz.

La sua valutazione è che il cannone sia piuttosto antico, forse risalente al XVII secolo.

In un ultimo tentativo di trovare il proprietario e liberare i locali del deposito, la polizia ha deciso quindi di annunciare una perquisizione generale e ha chiesto l'assistenza dei media.

Se la ricerca non aiuta, rimangono poche opzioni.

“Le merci sequestrate vengono gestite in tre modi. Può essere distrutto o venduto all'asta. Oppure va in un museo ma solo se il suo valore storico e culturale viene stimato corrispondente”, ha concluso Eronen.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook