10:38 24 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
190
Seguici su

Il tribunale iracheno autorizzato a indagare sull'uccisione del vice comandante del gruppo di milizie sciite Abu Mahdi al-Muhandis avvenuta un anno fa ha emesso un mandato di arresto per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump, ha riferito oggi l'ufficio stampa del Consiglio Supremo giudiziario iracheno.

"Il giudice del tribunale di Al-Rasafa (distretto di Baghdad), autorizzato a indagare sull'uccisione del vice comandante del gruppo di milizie... ha deciso di emettere un mandato di cattura per il presidente degli Stati Uniti Donald Trump sulla base dell'articolo 406 del codice penale iracheno. Gli investigatori continueranno a identificare altre persone coinvolte in questo crimine, siano esse irachene o cittadini stranieri", ha riferito l'ufficio stampa.

Secondo la dichiarazione, il giudice ha preso la decisione dopo aver completato le indagini preliminari. Giovedì, la corte ha ascoltato le testimonianze dei querelanti, i familiari del leader della milizia assassinato.

A dicembre, il direttore dell'ufficio stampa del Consiglio Supremo giudiziario dell'Iraq Heydar Ali Nuri ha affermato che il tribunale iracheno avrebbe presto annunciato decisioni sugli accusati in questo caso. Secondo lui, la corte ha compiuto progressi significativi nelle indagini.

I documenti includono video contenenti le dichiarazioni ufficiali di Trump, che indicano che aveva emesso un ordine per condurre l'attacco con i droni. Sono state raccolte testimonianze dalla direzione e dal personale di sicurezza dell'aeroporto internazionale di Baghdad, nonché dal personale della compagnia militare privata britannica G4S, che si trovava all'aeroporto al momento dell'incidente.

Il 3 gennaio 2020, un attacco di droni ordinato da Trump ha ucciso al-Muhandis e l'importante militare iraniano Qasem Soleimani, comandante delle forze speciali del Corpo delle Guardie rivoluzionarie islamiche (IRGC), vicino all'aeroporto internazionale di Baghdad. Washington ritiene che siano stati coinvolti nell'organizzazione di un attacco all'Ambasciata americana a Baghdad il 31 dicembre 2019. L'Iran ha risposto attaccando alcune basi statunitensi in Iraq.

Correlati:

Baghdad, folle si riversano all'aeroporto per commemorare Soleimani
Trump accusa l'Iran degli attacchi missilistici sull'ambasciata USA a Baghdad
Diversi missili piovono all'interno della Green Zone di Baghdad - Video
Tags:
Giustizia, USA, Donald Trump, Qasem Soleimani, Iraq
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook