12:05 22 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
15270
Seguici su

Il Patriarca Kirill ha porto gli auguri ai fedeli per l'importante festività religiosa, augurando a tutti buona salute, "gioia infinita e il generoso aiuto di Dio".

"Il Signore sconfiggerà il virus pericoloso, rafforzerà la salute, mentale e fisica, ripristinerà la vita del nostro popolo e del nostro Stato, in modo che nella nostra memoria rimarrà solo un anno difficile di prove, che ci ha dato una lezione difficile, ma, a quanto pare, necessaria. Possiamo solo sperare di aver realizzato questa lezione e di trarre da tutto ciò che ci è accaduto e sta accadendo, le conclusioni che ci aiuteranno a organizzare la nostra vita esteriore e ad acquisire il benessere interiore", ha detto il Patriarca Kirill.

"La saggezza umana, probabilmente, consiste nel fatto che dalla sofferenza, dal dolore e dalle prove, così come dalle gioie, dalla felicità umana, possiamo trarre le giuste conclusioni. Né l'una né l'altra dovrebbero buttarci fuori dal solco della vita, privarci delle coordinate morali. Dobbiamo prima di tutto rimanere fedeli a quelle leggi divine che il Signore ci ha dato. La fedeltà ai comandamenti, alla parola di Dio, è una manifestazione di saggezza umana e di genuina felicità umana", ha aggiunto il Patriarca Kirill.

Il presidente russo Vladimir Putin ha celebrato il Natale nella chiesa di San Nicola a Lipna nella regione di Novgorod. L'isola di Lipno è uno dei luoghi pittoreschi del lago Ilmen. Sull'isola si trova una delle prime chiese in pietra costruite dopo l'invasione mongola: la Chiesa di San Nicola a Lipno nel 1292. Al suo interno sono stati conservati affreschi del XIII secolo. Le attrezzature da costruzione e le singole strutture costituivano la base dell'architettura di Novgorod del XIV secolo. Durante la Grande Guerra Patriottica la chiesa fu distrutta, per poi essere restaurata nel 1956. È sotto protezione statale.

Dopo la Messa, Putin ha augurato ai russi un buon Natale. "L'amore del Signore per una persona non soddisfa tutte le nostre richieste e desideri, ma che ci permette di pregare per lui e per noi e sperare per il meglio. Questa speranza, e talvolta l'attesa di un miracolo, è la vera stella che illumina il nostro percorso di vita e ci sostiene nelle fasi più difficili. Buone feste! Buon Natale!" - ha detto il capo di Stato.

Il Natale Ortodosso

Il Natale Ortodosso viene celebrato il 7 gennaio dal clero e dai fedeli della Chiesa Ortodossa Russa, così come da Gerusalemme, dalle chiese serbe, polacche e georgiane, così come dai monasteri atoniti, dai cattolici di rito orientale e da alcuni protestanti aderenti al calendario giuliano. Il resto dei cristiani celebra questo evento nella notte tra il 24 e il 25 dicembre. Si tratta di denominazioni e chiese che aderiscono al calendario gregoriano e neo giuliano: la Chiesa cattolica romana, protestanti (luterani, anglicani, parte dei metodisti, battisti e pentecostali), nonché Costantinopoli ortodossa, Alessandria, Antiochia, rumena, bulgara, cipriota, greca, Chiese albanesi e Chiesa ortodossa in America. E nelle chiese ortodosse delle terre ceche e della Slovacchia celebrano due volte, entrambi secondo il calendario giuliano e nuovo giuliano.

  • Patriarca Kirill durante la messa di Natale
    © Sputnik . Sergey Pyatakov
  • Presepe di Natale presso la Cattedrale di Cristo Salvatore a Mosca
    © Sputnik . Sergey Pyatakov
  • 7 gennaio 2021. Il presidente della Federazione Russa Vladimir Putin dà un'intervista vicino alla Chiesa di Nicola a Lipna.
    © Sputnik . Mikhail Klimentyev
1 / 3
© Sputnik . Sergey Pyatakov
Patriarca Kirill durante la messa di Natale
Tags:
Russia, Mosca, Natale ortodosso, Chiesa Ortodossa, Patriarca Kirill, Religione
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook