10:27 19 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
4212
Seguici su

Sono tutte minorenni le vittime dello scontro a fuoco avvenuto nella notte a Bordeaux che ha provocato la morte di un sedicenne. La polizia ha aperto un'indagine.

La violenza continua ad andare in scena nel distretto di Les Aubiers a Bordeaux, dopo i disordini di fine anno. Un adolescente è morto questa notte per ferito da arma da fuoco, dopo essere stato colpito da un proiettile durante una sparatoria, secondo quanto riferisce la stampa francese.

La vittima, di 16 anni, è stata portata con una ferita alla colonna cervicale al pronto soccorso, dove è deceduto poco dopo. Altri tre minorenni, di età compresa tra i 13 e i 16 anni, sono rimasti feriti nello scontro a fuoco, avvenuto nel distretto alle 23 di sabato 2 dicembre. Due di loro sarebbero in gravi condizioni ma non rischiano la vita. Un terzo adolescente riporta lievi ferite. 

Una quinta persona si sarebbe recata al pronto soccorso di Bordeaux Nord con ferite da arma da fuoco. 

Caccia all'uomo 

Sempre France 3, uno o più tiratori sono comparsi nel quartiere al volante di un'auto, sparando all'impazzata con una pistola. Gli uomini sono riusciti a fuggire e adesso sono ricercati in tutta l'area in quella che sembra essere una vera e propria caccia all'uomo.

Intanto le autorità hanno aperto un'indagine affidata alla direzione interregionale della Polizia giudiziaria di Bordeaux, per stabilire se la sparatoria è legata a un regolamento di conti tra quartieri rivali o se c'è un'altra ragione all'origine.

Un capodanno di violenza

Il quartiere di Les Aubiers è stato teatro di violenze nei giorni a ridosso di capodanno. La notte tra il 30 e il 31 dicembre alcuni agenti sono stati aggrediti da una quarantina di persone con petardi e fuochi d'artificio. Per disperdere la folla la polizia ha usato gas lacrimogeni e proiettili di gomma. 

Le violenze sono continuate nella notte di Capodanno, con auto date alle fiamme e numerosi episodi vandalici. 

Tags:
sparatoria, Francia
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook