05:35 17 Aprile 2021
Mondo
URL abbreviato
381
Seguici su

L'intelligence venezuelana ha smantellato un piano di boicottaggio contro l'insediamento dell'Assemblea nazionale del 5 gennaio. Lo ha comunicato il presidente del Venezuela, puntando ancora una volta il dito contro la Colombia di Ivan Duque.

Il presidente del Venezuela, Nicolas Maduro Moro, ha denunciato un esteso piano di sabotaggio finalizzato a boicottare l'insediamento del parlamento unicamerale del prossimo 5 gennaio, dopo la vittoria della coalizione progressista del 6 dicembre. Da quanto emerso dal lavoro dell'intelligence venezuelana, durante una riunione del 21 dicembre tenuta a Riohacha, città settentrionale della Colombia, sono stati pianificati una serie di attentati contro impianti energetici e obiettivi istituzionali

"Il piano si chiamava 'boicottaggio dell'Assemblea Nazionale', lo stiamo smantellando proprio ora, con prove in mano, con la testimonianza delle persone che hanno partecipato a quell'incontro a Riohacha , il governo della Colombia ha taciuto perché abbiamo scoperto il piano segreto che avevano per questi giorni da dicembre a gennaio ", ha dichiarato Nicolas Maduro intervistato sulla TV nazionale dal giornalista spagnolo Ignazio Ramonet, puntando il dito contro il presidente colombiano Ivan Duque. 

Nel mirino dei sabotatori sarebbero finiti la centrale idroelettrica Simón Bolívar, situata nel bacino idrico di Guri, nella parte Sud del Paese, e la stessa sede dell'Assemblea Nacional, il Palazzo Legislativo Federale al centro di Caracas. 

Durante l'intervista rilasciata a Ramonet, Maduro ha indicato che in diverse occasioni il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, ha portato avanti dei piani coordinati con il presidente colombiano per assassinarlo e ha affermato che "quei piani esistono ancora oggi".

"Trump ha organizzato più volte il mio omicidio, Trump ha preso in simpatia l'omicidio, la morte (...) Stiamo scoprendo elementi e stiamo prendendo misure di protezione, non solo della mia vita, della vita della mia famiglia, della vita dell'alto comando politico militare, della vita delle istituzioni ", ha aggiunto.

Elezioni presidenziali

All'indomani della vittoria alle elezioni parlamentari, il presidente venezuelano ha denunciato di essere stato il target di un tentato assassinio in diretta mentre andava a votare e punta il dito contro Ivan Duque, accusandolo di essere il mandante. 
Il presidente venezuelano ha difatti dovuto cambiare all'ultimo momento il seggio di voto, dopo essere stato allertato da fonti dell'intellingence colombiana di un piano per assassinarlo nel giorno delle elezioni parlamentari. Lo ha dichiarato lo stesso Maduro durante una conferenza stampa, martedì 8 dicembre. 

Il Psuv ha vinto le elezioni parlamentari con oltre il 67,6% di consensi, ma l'Unione europea ha affermato di non riconoscere il voto e si dice disposta ad agevolare una transizione pacifica dei poteri

 

Tags:
Nicolas Maduro, Venezuela
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook