16:17 25 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
121
Seguici su

Il Ministro degli Esteri russo Sergey Lavrov in un'intervista di fine anno per Sputnik, ha parlato di ciò che Mosca si auspica dalle relazioni con il nuovo Presidente degli Stati Uniti Joe Biden.

Come vede le prospettive per le relazioni tra Russia e Stati Uniti sotto Biden? Cambierà qualcosa? Nel bene o nel male?

"Purtroppo non si può contare su di una rapida rettifica o addirittura su di una stabilizzazione dei degradati rapporti con gli Stati Uniti - dice il Ministro degli Esteri - L'isteria anti-russa che ha travolto l'America lascia poche possibilità a che presto si possa assistere a un ritorno alla normalità. Il nostro dialogo si è rivelato ostaggio del conflitto politico interno americano, che, ovviamente, non contribuisce a costruire una cooperazione costruttiva.

Tuttavia, siamo convinti che i legami russo-americani abbiano un potenziale non realizzato. Non sarà facile ricomporre le macerie formatesi in questi anni non per colpa nostra, ma dobbiamo lottare per questo. Questo però dovrà richiedere volontà politica anche da parte americana.

L'agenda bilaterale ha accumulato tutta una serie di questioni, alcune di carattere urgente, che la nuova amministrazione di Washington dovrà affrontare. A partire dal compito di normalizzare il funzionamento delle missioni estere, risolvere crisi umanitarie, per finire con questioni di sicurezza internazionale e stabilità strategica. Non è necessario cercare di risolvere tutti i problemi in un sol colpo, si può interagire in base alla logica dei "piccoli passi". Siamo pronti per questo lavoro. Ma con la consapevolezza che sarà costruito sui principi dell'onestà e della reciproca considerazione degli interessi, e non sulla base dell'ordine mondiale americano-centrico imposto da Washington nella corrente principale del detto "chi è più forte ha ragione". Ci auguriamo che la nuova squadra della Casa Bianca compia una scelta che sia nell'interesse del popolo americano e dimostri il desiderio reciproco di instaurare un dialogo con Mosca.

Solo in questo caso, i legami russo-americani potranno eventualmente tornare su un percorso di sviluppo sostenibile. Naturalmente, ciò avrebbe anche un effetto positivo sul clima generale negli affari internazionali, data la responsabilità speciale di Russia e Stati Uniti, in quanto due maggiori potenze nucleari e membri permanenti del Consiglio di sicurezza dell'ONU, per il mantenimento della stabilità e della sicurezza globali, soprattutto in questo momento difficile", ha detto Sergey Lavrov.

Le elezioni presidenziali Usa 2020

Dopo le elezioni del 3 novembre i principali media statunitensi hanno dichiarato vincitore il democratico Joe Biden, anche se Trump ha affermato che la vittoria sarebbe stata sua se non fosse stato per le gravi violazioni durante il voto per corrispondenza e i "brogli" dei colleghi democratici di Biden.

Lo staff del presidente in carica ha intentato diverse cause legali in Stati-chiave in cui ritiene che siano avvenuti brogli elettorali di massa. Il tycoon ha ripetutamente affermato che la sua vittoria alle elezioni presidenziali di novembre è stata rubata tramite una diffusa frode elettorale, e il presidente ha provato a ribaltare legalmente i risultati negli Stati chiave in bilico, vale a dire Arizona, Georgia, Michigan, Pennsylvania Nevada e Wisconsin.

Il 14 dicembre il Collegio elettorale ha espresso 302 voti per Joe Biden, confermando la sua vittoria nelle elezioni presidenziali del 3 novembre.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook