22:16 15 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
220
Seguici su

Zhang sarebbe stata uno dei primi giornalisti a coprire i primi casi di COVID-19 a Wuhan durante il lockdown.

Un tribunale di Shanghai lunedì ha ritenuto la giornalista cittadina Zhang Zhan colpevole di "aver provocato litigi e aver provocato problemi" nei suoi reportage sull'epidemia di coronavirus nella città di Wuhan all'inizio di quest'anno, ha detto l'avvocato di Zhang, aggiungendo che la giornalista è stata condannata a quattro anni di prigione.

"Intorno alle 12 (orario locale) di lunedì, il nuovo tribunale distrettuale di Shanghai Pudong ha emesso un verdetto per il caso di Zhang Zhan: è stata condannata a quattro anni di prigione per aver fomentato litigi e provocato problemi", ha scritto Zhang Keke su Twitter, aggiungendo che la donna ha partecipato all'udienza su una sedia a rotelle.

​Zhang è detenuta in un centro di detenzione nel distretto di Pudong a Shanghai da metà maggio. A giugno, ha iniziato a rifiutarsi di mangiare per protestare contro il suo arresto.

Secondo vari resoconti dei media, Zhang è stata uno dei primi giornalisti a parlare dei primi casi di COVID-19 a Wuhan durante il lockdown.

La pandemia di coronavirus in corso è iniziata in Cina nel dicembre dello scorso anno. I rapporti iniziali indicavano che l'inizio dell'epidemia di COVID-19 in Cina era legata ad un mercato ittico nella città di Wuhan, nella provincia di Hubei.

Correlati:

Covid, virologo tedesco: "L'inizio della pandemia è avvenuto in Nord Italia, non a Wuhan"
Covid, un'equipe dell'Oms a Wuhan per capire il salto di specie del virus
Cina sta valutando la chiusura del consolato americano a Wuhan
Tags:
Coronavirus, Cina
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook