06:19 23 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
117
Seguici su

Il leader di un gruppo di oppositori alle misure per il contrasto della diffusione di COVID-19 in Germania ha annunciato il rinvio a primavera del 2021 delle loro azioni di protesta.

Michael Ballweg, imprenditore di Stoccarda e fondatore del gruppo "Querdenken 711" (pensatori laterali) che contesta le norme anti-contagio e le restrizioni relative, ha affermato che il gruppo rinuncia alle grandi manifestazioni fino alla prossima primavera. Ballweg lo ha annunciato nel blog del gruppo su YouTube.

Il leader di "Querdenken 711" ha invitato i suoi compagni ad accettare il divieto delle autorità di organizzare le manifestazioni a Berlino, inizialmente previste per le vacanze di Capodanno. Ha aggiunto che il movimento si asterrà dall'organizzare proteste contro il lockdown fino alla primavera.

Tuttavia, Ballweg ha chiesto che si trovi qualcuno che organizzi una grande manifestazione "nel prossimo futuro". L'imprenditore si è espresso anche per delle riunioni più piccole.

Querdenken 711

Il movimento ha avuto origine a Stoccarda, dove si sono tenute grandi proteste contro misure restrittive relative al COVID-19, considerate dal gruppo una violazione dei diritti costituzionali, sebbene la Corte costituzionale federale della Germania abbia riconosciuto in primavera che le restrizioni imposte dalle autorità non violavano la Legge fondamentale. Da agosto, Querdenken 711 ha iniziato ad organizzare grandi proteste a Berlino, che ogni volta hanno portato a conflitti tra i partecipanti e la polizia perché i manifestanti non hanno rispettato le misure restrittive e la procedura per l'organizzazione delle proteste.

Variante inglese in Germania

Nella giornata di ieri l'agenzia Bild ha reso noto che la variante britannica del coronavirus è stata identificata in Germania nella regione Baden-Württemberg. Una donna, arrivata in aereo a Francoforte sul Meno dalla Gran Bretagna, ora è stata messa in quarantena nella propria abitazione.

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook