11:03 22 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
0 01
Seguici su

La polizia norvegese teme che le prostitute dell'Europa orientale che infrangono le regole di quarantena diffondano l'infezione da coronavirus in un mercato in cui è difficile rintracciare le infezioni.

Nelle ultime due settimane, la polizia di Oslo ha scoperto più transazioni di prostitute  del solito. Le donne provengono spesso da paesi dell'Europa orientale contrassegnati in rosso sulla mappa dell'epidemia e spesso non rispettano l'obbligo di quarantena al momento dell'ingresso.

Molte delle donne sono state multate e la Direzione norvegese per l'immigrazione (UDI) ha preso diverse decisioni di espulsione.

“In base all'esperienza, sappiamo che quando incontriamo persone che vendono sesso, è solo la punta dell'iceberg. Sfortunatamente, probabilmente c'è ne sono in gran numero", ha detto a TV 2 l'avvocato di polizia Andreas Meeg-Bentzen.

Finora, la polizia non è a conoscenza di alcun caso di infezione tra le prostitute, ma se dovesse verificarsi un'infezione, sarà difficile da rilevare, hanno detto.

"Crediamo che coloro che hanno acquistato sesso e sono stati infettati, difficilmente lo riveleranno a coloro che rintracciano l'infezione", ha riflettuto Meeg-Bentzen.

Infine, la polizia non può tenere traccia degli elenchi dei clienti delle lavoratrici del sesso, il che rende ancora più difficile rintracciare la diffusione dell'infezione.

Inoltre, la polizia non può controllare gli elenchi dei clienti delle prostitute, il che complica il lavoro di tracciamento se a una di loro viene diagnosticata un'infezione. Secondo Meeg-Bentzen, è probabile che una tipica prostituta abbia 3-4 clienti al giorno. L'acquisto del sesso di solito avviene in appartamenti in affitto intorno a Oslo.

“Siamo preoccupati per la salute pubblica. Questo rappresenta potenziali bombe infettive che aumenteranno il contagio totale nella società", ha detto.

Come nella vicina Svezia, la prostituzione è illegale in Norvegia e vendere sesso viene considerato un reato , ma non quando viene venduto.

In termini di Covid-19, la Norvegia ha visto oltre 44.000 casi di malattia e 405 decessi. Oslo, in particolare, ha registrato un picco nelle cifre giornaliere la scorsa settimana.

Correlati:

Ammalarsi o morire di fame: la dura scelta delle prostitute francesi davanti al COVID-19
Prostitute del quartiere a luci rosse di Tokyo sospettate per l’aumento dei casi di coronavirus
Coronavirus, Germania: migliaia di prostitute per strada a causa della chiusura dei bordelli
RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook