15:06 17 Gennaio 2021
Mondo
URL abbreviato
110
Seguici su

Anche gli Emirati Arabi Uniti si aggiungono alla lunga di Paesi che hanno aperto alle sperimentazioni sullo Sputnik V nel proprio Paese.

Le autorità degli Emirati Arabi Uniti hanno reso noto di essere alla ricerca di un contingente di 500 volontari per la partecipazione alla terza fase dei test clinici sul vaccino russo contro il coronavirus SPutnik V.

A riferirlo è l'ufficio stampa del governo di Abu Dhabi:

"Il programma di volontari per la Fase III delle sperimentazioni cliniche del vaccino russo basato sull'adenovirus umano è stato lanciato con la campagna #VaccineforVictory. 500 volontari di Abu Dhabi saranno invitati a partecipare", si legge sull'account Twitter.

I criteri per l'ammissione al programma sono che il volontario abbia compiuto i 18 anni e non abbiano sofferto di problemi respiratori nelle ultime due settimane, o siano risultati positivi al Covid-19 nelle ultime due settimane, oltre a non aver preso parte ad altri test clinici.

"I volontari riceveranno due dosi del vaccino, somministrate a 20 giorni di distanza l'una dall'altra, e saranno regolarmente monitorati con delle visite e delle consultazioni digitali", recita ancora la nota.

Sputnik V

Lo Sputnik V è diventato il primo vaccino registrato al mondo l'11 agosto dopo aver ricevuto l'approvazione del Ministero della Salute russo, per poi intraprendere le tre fasi di sperimentazione clinica come da protocollo internazionale.

L'inoculazione, che si basa sull'adenovirus umano di tipo 26 e sull'adenovirus umano ricombinante di tipo 5, ha mostrato un'efficacia superiore al 95%, secondo un'analisi ad interim dei dati di fase 3 in Russia.

I test sullo Sputnik V vengono eseguiti anche in Bielorussia, Brasile, Emirati Arabi Uniti, India e Venezuela.

Finora, più di 50 paesi si sono già assicurati 1,2 miliardi di dosi di Sputnik V, secondo i rapporti RDIF.

Il Fondo sovrano ha scelto laboratori in Brasile, Cina, Corea del Sud, India e altri paesi per produrre il vaccino.

 

RegolamentoDiscussione
Commenta via SputnikCommenta via Facebook